Operai della ‘Manfredonia Vetro’ in sciopero della fame

Per alcuni operai è "inspiegabile l'atteggiamento della direzione provinciale dell'Inps a non prendere una decisione positiva sull'approvazione della CIGO"

Sangalli Vetro

Nel giorno di San Michele Arcangelo alcuni operai della ‘Manfredonia Vetro’ hanno indetto lo sciopero della fame contro le mancate decisioni in merito alla CIGO della direzione provinciale dell’Inps. Uno sciopero dovuto alle scarse attenzioni che il sistema sociale riserverebbe a una vertenza denunciata da un presidio permanente dall’11 dicembre 2014.

Un presidio – sostengono gli operai - nato proprio per garantire l’integrità del sito produttivo, proteggendolo dalle intenzioni della proprietà di smantellarlo per una vendita a pezzi, decretando di fatti la chiusura del sito. E’ proprio grazie alla caparbietà dei lavoratori se il sito è integro ed è pronto per una ripresa produttiva, tant’è che all’interno vi sono ancora tre linee di seconde lavorazioni, che se messe in moto permetterebbe l’impiego immediato di 100 operai.

“Non abbiamo permesso e non permetteremo di far uscire le materie prime delle seconde lavorazioni, in maniera  che qualsiasi imprenditore intervenga a rilevare il sito possa creare da subito le condizioni per una ripresa - che unita ai finanziamenti messi a disposizione dalla Regione Puglia e dai comuni di Monte sant’angelo Mattinata e Manfredonia – creerebbero i presupposti per la costruzione del forno fusorio cosicché tutta la forza lavorativa possa rientrare a lavoro.”

Per gli operai in sciopero la ripresa produttiva dell’intero sito è nei fatti, e rende "inspiegabile l’atteggiamento della direzione provinciale dell’Inps a non prendere una decisione positiva sull’approvazione della CIGO. Questa situazione di stallo, sta creando un disagio sociale non indifferente tra gli operai che mettono a serio rischio se stessi e le proprie famiglie martoriando un intero territorio."

Gli operai in sciopero hanno incassato la solidarietà del presidente della Commissione per le Politiche Ue della Camera, Michele Bordo: “Sono certo che Regione e Governo, come hanno sempre fatto finora, compiranno ogni sforzo possibile per trovare un acquirente serio che possa rilanciare la produzione e salvaguardare i posti di lavoro”

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Strage a Orta Nova, triplice omicidio e suicidio: spara e uccide moglie e due figlie di 13 e 18 anni, poi si toglie la vita

  • Mazzi di fiori, lacrime e dolore per Teresa, Miriana e Valentina (il Comune penserà ai funerali): città incredula per l'insano gesto di Ciro

  • Incredibile al carcere di Foggia, detenuto telefona ai carabinieri dalla cella: "Siamo al ridicolo"

  • Bus frena per evitare auto, donna cade e muore: due persone a giudizio per omicidio stradale

  • "Addio Costanzo", il dirigente medico del Pronto Soccorso sempre al servizio dei pazienti: "Era un professionista esemplare"

  • Ingerisce droga, neonata in coma a Foggia: "Monitoriamo parametri vitali, situazione stazionaria"

Torna su
FoggiaToday è in caricamento