PSR 2014-2020, Casili (M5S): "Puglia in ritardo, 200 milioni a rischio"

Attacco del consigliere del M5S Casili che analizza il report trimestrale sullo stato di avanzamento della spesa pubblica. La Puglia è accreditata di un avanzamento del 9,64%: "Contributo a rischio e le imprese non investono più"

Cristian Casili

“La Puglia è fanalino di coda tra le regioni italiane per quanto riguarda l’attuazione del PSR, un ritardo che sta affossando l’intero comparto agricolo. Ammonta a oltre 1 miliardo e 65 milioni il tesoro che non riesce ancora ad essere speso, nonostante riguardi la programmazione 2014-2020. Emiliano stacchi la spina a Di Gioia e risponda al grido di dolore delle imprese agricole pugliesi”. Lo denuncia il consigliere del M5S Cristian Casili, analizzando i dati contenuti nel report trimestrale sullo stato di avanzamento della spesa pubblica al 31 dicembre  scorso, diffuso dalla Rete Rurale Nazionale. La Regione Puglia è accreditata di un avanzamento di appena il 9,64%, rispetto ad una media nazionale del 13,40% e al di sotto della media delle Regioni più in difficoltà, dell’11,92%.

Incalza il capogruppo del Movimento 5 Stelle: “In pratica sono a rischio disimpegno oltre 200 milioni di euro. Nonostante le rassicurazioni dell’Assessore Di Gioia, lo stato di attuazione del PSR Puglia è assolutamente deficitario, trascinato in un buco nero in cui si è impantanato ormai da anni. È passato un anno e mezzo da quando si sono manifestate le prime problematiche e ancora oggi ci sono delle difficoltà da parte delle aziende ad accedere alle graduatorie, a causa di una predisposizione errata dei bandi. Una situazione che ha portato una pioggia di ricorsi al Tar che, se venissero accolti, porterebbero all’annullamento dei bandi e a una nuova ripubblicazione degli stessi, con il rischio che non ci sia il tempo per predisporre il nuovo iter e quindi, in definitiva, di perdere le risorse".

Per Cristian Casili, "le responsabilità di questa amministrazione regionale sono lampanti, basti pensare che durante la scorsa legislatura il PSR 2007-2013 è andato a compimento, e moltissime aziende hanno potuto contare su finanziamenti fondamentali per avviare nuovi investimenti. Adesso invece le imprese non investono più perché sanno che il contributo è a rischio. Un danno enorme per il comparto cardine dell’economia regionale”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Attimi di tensione al Grandapulia, migranti minacciano di "bloccare il Natale": cariche della polizia e lanci di pietre

  • Inseguimento da film nel Foggiano: fuga a folle velocità tra la nebbia per 40 km, volanti speronate e sul finale lo schianto

  • Presa la banda foggiana che assaltava i bancomat: tre colpi in 20 giorni, quattro arresti

  • Incidente stradale sulla Statale 89: auto perde il controllo e finisce contro un muro, a bordo tre persone

  • Assalto armato a un portavalori: paura e fuga, ritrovata la Jeep dei banditi e una targa clonata intestata a un'auto del Foggiano

  • La stanza dell'ospedale non ha la tv, paziente esce e ritorna con due lcd da 32 pollici: "Che bel gesto, grazie Luigi"

Torna su
FoggiaToday è in caricamento