Assegni di cura, nei criteri di accesso sparite alcune malattie rare: “La Giunta le ricomprenda”

Appello del vicepresidente del consiglio regionale Giandiego Gatta: “Bisogna far rientrare coloro che sono colpiti da malattie oggettivamente e gravemente invalidanti come OEIS o l’Artogripposi multipla congenita”

Giandiego Gatta

“Neonati, bambini, adolescenti e adulti affetti da gravi patologie rare e rarissime non ricomprese negli elenchi ministeriali delle malattie che causano la non autosufficienza e i cui portatori sono esclusi dalla possibilità di richiedere l’assegno di cura erogato dalla Regione Puglia”. E’ quanto denuncia il vicepresidente del Consiglio regionale Giandiego Gatta sui criteri di accesso agli assegni di cura destinati alle famiglie dalla Regione Puglia.

“Parliamo di famiglie che, molto spesso, vivono un vero dramma dovuto alla sofferenza patita dai propri cari. Ebbene, ci sono alcune malattie rare e rarissime escluse dal DPCM n. 159/2013, che, tuttavia, hanno colpito alcuni pugliesi e non possiamo accettare l'idea di abbandonare le famiglie interessate. Patologie come “OEIS” (Onfalocele – Estrofia della Vescica – Ano imperforato – Anomalie sacrali), o come l’Artogripposi multipla congenita, caratterizzata da rigidità articolare tetrartuale con impossibilità a deambulare autonomamente e a svolgere le comuni attività della vita quotidiana.

Sono solo alcuni esempi che riporto nella mia interrogazione diretta al presidente della Giunta regionale e all'assessore al Welfare, in cui chiedo di intervenire modificando i criteri di accesso all'assegno di cura al fine di poter far rientrare anche coloro che sono colpiti da malattie oggettivamente e gravemente invalidanti, pur se non considerate dalle disposizioni ministeriali. Le "Linee Guida" sono state approvate dalla Giunta lo scorso agosto, ma auspico una modifica in questa direzione. Sarebbe un bel gesto di sensibilità umana e politica".

Potrebbe interessarti

  • A spasso nel Gargano e quella torre che si affaccia sul mare cristallino tra i laghi di Lesina e Varano

  • Come allontanare api, vespe e calabroni: alcuni rimedi naturali

  • Gargano da amare: dai faraglioni di Mattinata al castello di Manfredonia, dalla Basilica di Siponto alla grotta di San Michele

  • Gli usi del bicarbonato di sodio che ancora non conosci

I più letti della settimana

  • Tragedia sulla Statale 16, terribile scontro tra Lesina e San Severo: un morto e un 24enne trasportato in ospedale

  • Voleva togliersi la vita, Roberta lo ha salvato e poi il blackout: così Francesco l'ha uccisa a mani nude

  • Ultim'ora | Vento forte, grandine e fulmini sul Gargano: il maltempo minaccia l'estate in Capitanata

  • San Severo sotto shock piange Roberta Perillo: "È in un altro mondo, dove esiste amore autentico"

  • Ultim'ora | Omicidio a San Severo, giallo in via Rodi: uccisa una donna

  • "Non l'ho uccisa perché voleva lasciarmi", ma Roberta non c'è più. La denuncia sui social: "Le amiche sapevano, nessuno l'ha ascoltata"

Torna su
FoggiaToday è in caricamento