Antichi mestieri e settori produttivi: con la legge sull'apprendistato la Puglia punta al ricambio generazionale

Il Consiglio Regionale ha approvato la proposta di legge in materia di apprendistato e le norme cui sono state apportate delle modifiche che afferiscono alle "botteghe artigiane"

Il Consiglio Regionale ha approvato la proposta di legge in materia di apprendistato e le norme cui sono state apportate delle modifiche che afferiscono alle "botteghe artigiane". "Il mutamento intervenuto nel quadro normativo nazionale ha reso necessario un adeguamento della normativa regionale che è esito del confronto con le parti sociali e i portatori di interessi e si ispira al principio dell'integrazione tra i diversi livelli di governo ed istituzionali" dice l'assessore al Lavoro ed alla Formazione della Regione Puglia, Sebastiano Leo.

"Sono davvero soddisfatto per l'approvazione di una legge che diventerà per la Puglia uno strumento essenziale per la promozione dei contratti di apprendistato e di conseguenza per la valorizzazione del capitale umano dei giovani, con particolare predilezione per i settori di eccellenza del sistema economico-imprenditoriale pugliesi, dei nostri distretti produttivi e tecnologici. Con questa legge, infatti, la Regione Puglia sugella il suo impegno a promuovere e sostenere, d'intesa con le associazioni di categoria e le parti datoriali, progetti finalizzati alla valorizzazione e al recupero dei mestieri dell'artigianato artistico, tradizionale e dell'abbigliamento su misura utilizzando preferenzialmente il sistema regionale delle Botteghe Scuola. La realizzazione di interventi coordinati ci consentirà di promuovere opportunità di autoimpiego e occupazione giovanile, proprio nell'ambito dei mestieri tradizionali di qualità"

Aggiunge l'assessore: "Nei settori produttivi tradizionali e per quei mestieri antichi, che rappresentano una forma di ricchezza anche culturale per la Puglia, attraverso questa legge daremo impulso all'ingresso di nuove energie, competenze e creatività, per un ricambio generazionale che ci aspettiamo metta in moto un trasferimento di competenze capace di dare nuovo impulso alle produzioni di nicchia, favorendo l'introduzione di elementi di innovazione tecnologica di processo e prodotto.

"Questa legge, insomma – conclude l'assessore Sebastiano Leo – si inserisce in una più complessa strategia per la valorizzazione delle competenze del capitale umano dei giovani di Puglia e per la crescita delle opportunità di sviluppo della nostra Regione, che non possono prescindere dalle energie, dallo slancio e dalla capacità di mettersi in gioco delle giovani generazioni."

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Altra bocciatura per il Parco del Gargano: "procedura illegittima", annullata la terna degli aspiranti direttori

  • Attualità

    Scartata e presa in giro, Luxuria si racconta e spiega agli alunni cos'è la diversità: da 10 e lode la lezione 'Alla lavagna'

  • Cronaca

    Omicidio De Rosa: ascoltate persone vicine alla vittima, eseguiti stub e ritrovata una pistola. Migliora il ferito

  • Cronaca

    DENUNCIA VIDEO SHOCK | "Qui si rischia un'altra viale Giotto, non aspettate che sprofondiamo"

I più letti della settimana

  • Scomparso nel nulla da 72 ore, Foggia in ansia per Francesco. La madre: "Non so più cosa fare"

  • Omicidio a Trinitapoli: ucciso noto pregiudicato di un clan, gravemente ferito un 49enne

  • Oggi l'ultimo saluto ad Agostino e Aurora. L'avv. Assumma: "Il conducente rischia fino a 18 anni"

  • Ritrovato Francesco Pio Tomaiuolo, il 15enne foggiano allontanatosi da casa lunedì scorso

  • Ucciso De Rosa, elemento di spicco della mala di Trinitapoli e del Basso Tavoliere arrestato nel blitz Babele

  • Costretta a prostituirsi da Foggia a Taranto, ai poliziotti svela business di un sodalizio criminale: anche un prete tra i 13 arrestati

Torna su
FoggiaToday è in caricamento