Alluvioni in Serbia e Bosnia, la raccolta alimentare di Arci ed Auser

Allestiti due punti raccolta a Foggia. Si richiedono generi di prima necessità e alimenti a lunga conservazione

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di FoggiaToday

Negli ultimi giorni, violenti nubifragi ed esondazione di fiumi hanno martoriato i territori della Serbia e della Bosnia Erzegovina. Le popolazioni sono in fortissime difficoltà e ci sono state anche numerose vittime. L’Arci di Foggia e l’Auser non rimangono indifferenti di fronte a questo dramma umanitario, ed hanno deciso di impegnarsi insieme per promuovere e realizzare una raccolta di generi di prima necessità per le popolazioni alluvionate.

In particolare, dalle popolazioni alluvionate giunge la richiesta di riso, pastina brodo, olio, zucchero. Oppure detergente panni, saponette e salviette igiene personale, scatolame, candele, pile, pelati e alimenti a lunga conservazione. Per raccogliere questo tipo di prodotti sono stati allestiti due punti: uno presso “Kamar”, Villaggio Artigiani (Via Di Salsola 159 – aperto 8,00/13,00 e 16,00-19,00 – Referente Sig.ra Milka, Cell. 388 6341867) e presso la sede Auser in Via Della Repubblica, 72 aperto dalle 10,00 alle 12,00 (Referenti Raffaele Cell. 329-8744664 – oppure chiamare gli uffici dell’Arci Foggia allo 0881 776209). 

Torna su
FoggiaToday è in caricamento