Passo in avanti della Princes di Foggia, dove in un anno vengono trasformati 300mila tonnellate di pomodori

Princes, con il suo stabilimento a Foggia, presenta un aggiornamento in materia di etica nell’industria del pomodoro in Italia

Immagine d'archivio

Princes, gruppo leader nel settore alimentare a livello internazionale, ha annunciato un significativo passo avanti nel miglioramento degli standard etici all’interno della propria filiera del pomodoro in Italia. Nel 2017, al termine della stagione del pomodoro in Italia, l’81% delle aziende agricole partner di Princes ha conseguito la certificazione 'Global G.A.P. GRASP” o “SA8000'. Queste aziende hanno conferito l’87% del pomodoro fresco lavorato da Princes. Per il 2018, Princes si è impegnata a innalzare questi livelli con l’obiettivo di raggiungere il 100%. Ogni anno, Princes trasforma 300mila tonnellate di pomodori freschi presso il proprio stabilimento di Foggia, dove realizza diversi prodotti sia a marchio proprio sia per conto di clienti del settore retail, che vengono poi commercializzati e distribuiti in tutta Europa. 

Il “Global G.A.P” è il principale standard di qualità a livello mondiale che garantisce l’adozione delle migliori pratiche nel settore agricolo. Il “GRASP”, invece, è un modulo a disposizione delle aziende agricole da compilare su base volontaria, sviluppato al fine di valutarne l’attuazione di buone pratiche a livello sociale, in termini di salute, sicurezza e welfare, contratti, salari e libertà di rappresentanza per i lavoratori.

Gianmarco Laviola, Amministratore Delegato di Princes in Italia, ha commentato: “Abbiamo scelto di partecipare attivamente alla promozione e al conseguimento di una maggiore sostenibilità sociale della filiera del pomodoro nel nostro Paese e, a livello europeo, invitiamo tutti gli stakeholder del settore ad approfondire la propria conoscenza delle problematiche del lavoro esistenti nell’agricoltura italiana. Ciascun anello della catena di distribuzione – che si tratti di un rivenditore, produttore o coltivatore – ha un ruolo fondamentale nello stimolare un cambiamento positivo e assicurare un futuro sostenibile per l’industria del pomodoro nel lungo periodo. Questo ruolo deve essere compreso da tutti i soggetti coinvolti.”

“I dati sulle certificazioni che abbiamo presentato sono il risultato di capacità consolidate negli ultimi anni, grazie ad attività come lo svolgimento di ispezioni sul campo, il supporto ai coltivatori attraverso una formazione costante e la promozione di eventi di sensibilizzazione in materia di lavoro etico presso il nostro sito di Foggia, con il sostegno di molti dei nostri clienti e di enti come l’Ethical Trading Initiative. Siamo soddisfatti dei progressi ottenuti, ma non intendiamo certo fermarci qui.”. “Molti dei nostri fornitori sono degli esempi di eccellenza etica e rappresentano un riferimento per il settore, mostrando un approccio costruttivo ed efficace alla gestione del lavoro in grado di generare valore per l’intera supply chain. Continueremo a impegnarci al massimo delle nostre possibilità in questa direzione, sia internamente all’Azienda sia collaborando con clienti e partner.”

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Riparte l'estate "strana" della Puglia: spiagge aperte da lunedì 25 maggio. Dal 1 luglio obbligo di apertura degli stabilimenti

  • Tragedia a Manfredonia: auto in mare, morta donna

  • Coronavirus, piccola impennata di contagi nel Foggiano: 10 nuovi casi. Calano i positivi in Puglia

  • Tragico incidente stradale sulla 'Adriatica': morto operaio foggiano, il terribile schianto contro un albero

  • Terribile incidente sulla Statale 16: tir si ribalta a pochi chilometri da Foggia, un morto e un ferito

  • Covid: nove dei 10 contagi sono del focolaio di Torremaggiore. Tre ricoverati e 83 persone in quarantena

Torna su
FoggiaToday è in caricamento