Piano Sociale di Zona ambito di San Marco in Lamis: "Forte preoccupazione"

CGIL, CISL e UIL chiedono l’intervento di Regione e Prefettura. “A rischio i servizi fondamentali per anziani, bambini, disabili ed indigenti”.

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di FoggiaToday

“Superare la pericolosa situazione di stallo del Piano Sociale di Zona di San Marco in Lamis, che rischia di far perdere risorse per la Comunità e servizi per i cittadini”. E’ la richiesta di CGIL, CISL e UIL di Foggia, contenuta in una lettera indirizzata all’assessorato alle Politiche Sociali e al Prefetto di Foggia, con la quale i segretari generali, Filomena Trizio, Emilio Di Conza e Gianni Ricci, “evidenziano la responsabilità in capo alle singole amministrazioni comunali per non essersi attivate a oggi a mezzo del coordinamento istituzionale ad approvare il Piano Sociale di Zona dell'annualità 2014 e la programmazione 2014-2016. Infatti, tutti gli incontri concertati con le Organizzazioni Sindacali sono stati disattesi”.

L'Ambito del Piano Sociale di Zona di San Marco in Lamis – che oltre al comune capofila comprende anche Rignano Garganico, San Giovanni Rotondo e San Nicandro Garganico - eroga servizi indispensabili per la tutela e la salvaguardia dei cittadini in difficoltà, anziani, bambini, disabili, famiglie indigenti. Per la realizzazione di tali servizi, la Comunità Europea, lo Stato, la Regione Puglia e i Comuni mettono a disposizione rilevanti risorse che aiutano a migliorare le condizioni di vita dei cittadini e generare nuova occupazione.

CGIL CISL UIL di Capitanata esprimono “forte preoccupazione per i lavoratori, i pensionati e i cittadini dell'Ambito che rischiano attraverso la mancata predisposizione dei servizi che vengono negati i diritti di cittadinanza”. Pertanto, le segreterie territoriali chiedono “un urgente intervento della Regione Puglia e del Prefetto di Foggia affinché si possa superare tale situazione”.

Torna su
FoggiaToday è in caricamento