Monti Dauni presi a pale in faccia, pronte altre 53 torri per 166 MW

Ci sono progetti per parchi eolici a Bovino, Deliceto, Troia e Orsara di Puglia

Alcune pale eoliche

Un grande parco eolico della potenza di 33,6 MW, con 8 aerogeneratori mastodontici da 4.2 MW, in grado ciascuno di soddisfare il fabbisogno di quattromila utenze domestiche. Il progetto è targato Renvico Italy srl, società milanese, ed interessa il Comune di Bovino, sui Monti Dauni. E' in atto la procedura di VIA a livello nazionale, avviata il 17 novembre 2017, e la comunità già teme una nuova devastazione del proprio territorio. Anche perchè non è l'unico.

Nelle immediate vicinanze del parco eolico di Bovino, infatti, sempre la Renvico srl ha in atto due procedure di VIA (questa volta a livello provinciale, in Commissione VIA Provincia di Foggia), l’una per 7 aereogeneratori con potenza pari a 29,4 MW in territorio di Orsara di Puglia2, località “Magliano”; l’altra per 6 aereogeneratori (25,2 MW complessivi) nel territorio di Troia3. Complessivamente, dunque, un mega parco eolico con 21 aerogeneratori per una potenza complessiva di 88 MW, che si sviluppa su un territorio di tre comuni dei Monti Dauni. Sempre la Renvico ha in fase autorizzatoria (VIA di livello nazionale) anche il Parco eolico di San Paolo di Civitate con 10 aerogeneratori, per una potenza complessiva di 42 MW.

Anche un’altra contrada di Bovino, di importante pregio archeologico e che in passato ha restituito le preziose Stele Daune, è sotto assedio. Qui la Winderg Srl (Sede Legale Vimercate -MB) ha progettato la realizzazione del Parco Eolico5 di “Monte Livagni” con 12 aerogeneratori per complessivi 30 MW di potenza. Il progetto è attualmente in fase di valutazione in “Commissione VIA 6  della Provincia di Foggia”. Nella medesima area (località: Livagni; Tegole; Carsogni), al confine con Deliceto, sono già stati autorizzati, con iter chiuso positivamente, uno o più progetti per la realizzazione complessiva di 24 aerogeneratori, per un totale di 48 MW, già in parte realizzati nonostante gli straordinari ritrovamenti effettuati in fase di indagine archeologica. 

Il totale fotografa qualcosa come 53 torri, per una potenza di 166 MW. Oltre 100mila utenze domestiche, quasi. La metà della popolazione residente in provincia di Foggia se si considera una famiglia composta da 3,2 cittadini e 1,5 kw il fabbisogno del nucleo. È un dato provocatorio, ovviamente. Il tentativo di immaginare concretamente quanto si produrrebbe in termini energetici se venissero autorizzati e realizzati gli impianti già progettati. E quanto si produrrebbe in termini di profitto.

Alcuni residenti sono sul piede di guerra, soprattutto coloro che si vedranno ricadere il parco sui propri terreni e che sino ad oggi pare non ne sapessero nulla, facendo scadere, così, anche i termini per le osservazioni. Come Michele Dota: "Si è davvero così miopi nel non vedere che si tratta di questioni di interesse collettivo? Nel non capire che anche i cittadini hanno il sacrosanto diritto di sapere e di poter esprimere la propria opinione?" dichiara. “Abbiamo visto il territorio dei Monti Dauni ferito, depredato, umiliato; senza alcuna compensazione, senza alcun vantaggio tangibile per i cittadini e per le comunità, che, legittimamente, sentono come propria la risorsa vento che appartiene anch’esso alla terra in cui si è nati, si lavora, si vive”. 

Limitatissimi i benefici che si sono sostanziati nel ricorso, non sempre garantito, a imprese e a manodopera locale per la realizzazione delle parti più convenzionali degli impianti  (tipicamente le opere civili); nella manutenzione ordinaria e nella sorveglianza; in qualche "lascito" infrastrutturale (a volte miglioramenti della viabilità, molte più volte peggioramenti della stessa).  Peraltro, a dispetto degli accordi, i gestori dei parchi eolici realizzati non pagano più alcuna royalities.

“Tutto un business. Un business unicamente teso al raggiungimento del profitto di pochi”. Che fine hanno fatto le buone intenzioni di valorizzazione del patrimonio ambientale dell’area dei Monti Dauni; che fine ha fatto il Piano d’Azione Locale; l’ormai dimenticata questione dell’istituzione dell’ area protetta dei Monti Dauni; il potenziamento turistico del territorio; la valorizzazione del sistema agroalimentare impostato soprattutto sulla agricoltura biologica e sulle produzioni tipiche di elevata qualità. E che fine hanno fatto e faranno le ingenti risorse erogate e da erogare con i fondi comunitari del POR Puglia? Sono interventi coerenti con i bisogni del territorio? Rispetto a quanto già si produce, è davvero necessario il ricorso a nuovi mostri? Che dopo i monti, minacciano pure i mari. Si pensi alle centrali eoliche off-shore di Chieuti (50 torri per 150 MW totali) e quella del Golfo di Manfredonia (65 torri per  195 MW totali).  Sul portale Valutazioni Ambientali VAS – VIA, del Ministero dell’Ambiente  sono ben 8 le procedure di valutazione che riguardano la Puglia per 4 Parchi  Eolici off-shore e 4 onshore.  Più di tutte le altre Regioni messe insieme.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (3)

  • Non vogliamo le centrali nucleri, perché inquinanti, ma comperiamo energia elettrica ( A CARO PREZZO ) prodotta da centrali nucleari costruite in prossimità dei nostri confini !!!
    Non vogliamo trivelle atte alla ricerca di petrolio o idrocaburi, sui nostri territori, perché inquinanti, ma li acquistiamo a costi smodati da paesi accanto al nostro !!!!
    Non vogliamo le pale eoliche che producono, in modo più o meno pulito,energia elettrica, perché deturpano il paesaggio !!!!
    Non vogliamo che l' ITALIA si indebiti paurosamente per l' acquisto di varie forme energetiche, perché di questo passo restiamo senza " BRACHE " !!!!
    Però, vogliamo, almeno un'auto a famiglia, i condizionatori inverter per stare freschi o caldi in base alle stagioni, il frigorifero, la stufa elettrica, il fornetto, il microonde, almeno due televisori, il forno, l'illuminazione pubblica e privata, di tutto di più !!!!
    DI GRAZIA CHI CAXXO CREDIAMO DI ESSERE ????

  • Viene spontaneo chiedersi, ma da queste pale eoliche, oltre al guadagno alla società che li gestisce, ai proprietari in particolare e ai comuni in cui queste pale insistono, sicuramente avranno un loro tornaconto, altrimenti mai e poi mai acconsentirebbero a tutto questo. Allora di cosa parliamo? Se ci guadagnano tutti il problema non si pone, oltretutto si produce energia pulita, che non è cosa da poco.

  • C'è solo una cosa che non comprendo : i cittadini che si " vedranno il parco eolico ricadere sui propri terreni, e che fino ad oggi sembrava non ne sapessero alcunchè " ! Quindi, sembrerebbe voler dire, che non sono gli stessi proprietari dei terreni che li concedono per queste installazioni ?

Notizie di oggi

  • Incidenti stradali

    Incidente stradale alle porte di Cerignola: schianto tra due auto, 36enne muore sul colpo

  • Cronaca

    Omicidio Federica Ventura, chiesto l'ergastolo per il marito. Carella si difende: "Non sono un padre-padrone"

  • Economia

    Super yacht attesi sul Gargano: il porto turistico di Rodi nelle rotte delle imbarcazioni di lusso

  • Attualità

    VIDEO | Blues, talento e passione: il Teatro della Polvere sulle tracce di 'Francuccio speak englìsh'

I più letti della settimana

  • Omicidio a Foggia: quarantenne ucciso a colpi di pistola in un'area di servizio lungo la Statale 673

  • Scacco matto della polizia allo spaccio di Piazza Mercato: ecco i nomi degli 11 arrestati

  • Stub e perquisizioni per l'agguato a Rodolfo Bruno: il 39enne vicino al Clan Moretti ucciso da tre sicari

  • Imprenditrice muore nel Foggiano: schiacciata da un muletto in "circostanze anomale"

  • Testimonianza shock: all'ombra del crocifisso orge gay tra escort e preti

  • Piazza Mercato...della droga, stroncato giro di spaccio tra giovani e minorenni: 11 arresti

Torna su
FoggiaToday è in caricamento