Panni all'anno zero, uffici e ospedale senza linea telefonica. Il sindaco scrive al Prefetto: "Rischi e disagi"

Il centro dei Monti Dauni isolato da due settimane. La linea Telecom non funziona. Impossibile finanche il servizo di guardia medica. Segnalazione urgente del primo cittadino al Prefetto di Foggia

Panni, anno zero. Non bastassero i disservizi datati che scontano i Monti Dauni, ora ci si mette anche la linea fissa telefonica. E’ di due giorni fa l’esposto che il sindaco, Pasquale Ciruolo, ha inviato al Prefetto di Foggia per denunciare l’isolamento del suo Comune a causa di Telecom. Da due settimane è impossibile il “regolare svolgimento delle funzioni ordinarie e straordinarie degli Uffici comunali in quanto gli stessi sono impossibilitati a comunicare con gli enti e le amministrazioni preposte, mettendo a rischio l’amministrazione comunale che rischia di incorrere in sanzioni e revoche di finanziamenti”. Non bastasse, “tale disservizio mette a rischio il regole svolgimento delle attività della struttura Ospedale di Comunità – RSSA oltre quello del servizio di Guardia Medica ospitato dalla stessa struttura, creando rischi e disagi all’intera popolazione” scrive il sindaco. Che aggiunge di aver proceduto più volte alla segnalazione del disservizio senza però ricevere alcun riscontro da parte del gestore della rete telefonica Telecom.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Emergenza Coronavirus: è pandemia mondiale, scopriamo i sintomi e come proteggersi

  • Taglio e piega a domicilio, nonostante il Coronavirus: sorpresa e denunciata parrucchiera abusiva

  • "Venite c'è un'autovettura rubata". Polizia si precipita in via Lucera: non era rubata ma dentro c'era della cocaina

  • Coronavirus, giovane foggiano trasferito d'urgenza a Bari: in gravi condizioni si è reso necessario l'impiego di Ecmo

  • Coronavirus: se un defunto muore in casa nessuna vestizione (indipendentemente dalla causa del decesso)

  • Il Coronavirus non si ferma ma galoppa: 41 nuovi contagi nel Foggiano e 13 morti in Puglia

Torna su
FoggiaToday è in caricamento