Dopo le frane, torna il sereno sulla Sp 130. Fucci: “Ora è più sicura”

Alberona, Fucci ringrazia la Provincia: "Strada 130 ora più sicura". Completati interventi di manutenzione straordinaria sulla provinciale che collega il borgo a Lucera

La strada provinciale130

Ultimati i lavori sulla provinciale 130, nel tratto che collega Lucera ad Alberona. Ristabilite quindi le condizioni di sicurezza per gli automobilisti. “In questi mesi sono stato almeno 30 volte a Palazzo Dogana, per tenere alto il livello di attenzione sulla necessità, ormai inderogabile, di attuare interventi di sistemazione straordinaria sulla provinciale 130. Ne è valsa la pena”, ha aggiunto il sindaco Tonino Fucci.

Il manto stradale, la segnaletica orizzontale e quella verticale sono stati sistemati, così da garantire soddisfacenti condizioni di sicurezza e di agibilità. “E’ un risultato importantissimo” ha aggiunto il primo cittadino di Alberona: “Abbiamo presentato un ulteriore progetto alla Regione Puglia, un piano di interventi riguardanti quel tratto della provinciale 130 che si estende da contrada Civetta a contrada Acquabianca. Si tratta di un segmento della strada messo a rischio da una serie di movimenti franosi”.

Dal suo insediamento, nel giugno del 2011, Tonino Fucci ha indicato come priorità del suo mandato la questione relativa allo stato delle strade provinciali. Prima degli interventi posti in essere negli ultimi mesi, la provinciale 130 era caratterizzata da dieci movimenti franosi in meno di cinque chilometri, sette grandi frane negli ultimi 4.500 metri di strada prima di arrivare nel centro abitato di Alberona, più di 20 cartelli stradali a indicare i pericoli disseminati lungo questo tratto. Lungo i 23 chilometri complessivi che dividono Lucera da Alberona, con gli ultimi lavori, la situazione è enormemente migliorata, una buona notizia anche per i tanti visitatori che sono arrivati e che arriveranno in paese nei prossimi giorni per godere dell’aria e del programma di eventi che animeranno il borgo durante tutta l’estate.

Non è un caso, dunque, che proprio ad Alberona, lo scorso 11 aprile, fu rilanciata la questione dei trasporti e della viabilità per lavorare insieme alle enormi potenzialità del territorio: fu questo il messaggio lanciato nel corso del convegno su ‘I Borghi di Capitanata’ al quale parteciparono numerosi sindaci e amministratori di Lucera e dei Monti Dauni, oltre al presidente del Gal Meridaunia, Alberto Casoria, e a due autorevoli dirigenti della Regione Puglia, Francesco Palumbo (direttore di area, Politiche per la promozione del territorio) e Silvia Pellegrini (dirigente del Servizio Beni Culturali).

Ad accogliere relatori e partecipanti, nelle vesti dei padroni di casa, il sindaco Tonino Fucci e il presidente del Club Unesco Alberona, Orfina Scrocco. “I sindaci dei Monti Dauni hanno lavorato bene in questi anni”, ha dichiarato Tonino Fucci. “Tutti i nostri sforzi devono essere sostenuti dalla Regione Puglia anche col completamento della Pedesubappenninica e affrontando strutturalmente la questione dell’isolamento dei Monti Dauni, con una visione nuova del sistema della viabilità e dei trasporti”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Per muoverti con i mezzi pubblici nella città di Foggia usa la nostra Partner App gratuita !

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Terribile incidente sulla Statale 16: tir si ribalta a pochi chilometri da Foggia, un morto e un ferito

  • Si torna a ballare in Puglia: verso la riapertura di club e discoteche all'aperto

  • Choc a Foggia: litiga con la fidanzata, i due 'cognati' lo raggiungono a casa e lo accoltellano

  • Coronavirus, piccola impennata di contagi nel Foggiano: 10 nuovi casi. Calano i positivi in Puglia

  • Covid: nove dei 10 contagi sono del focolaio di Torremaggiore. Tre ricoverati e 83 persone in quarantena

  • Rimprovera comitiva chiassosa, ispettore di polizia accerchiato e aggredito sotto casa: grave episodio a San Severo

Torna su
FoggiaToday è in caricamento