Gianni Ricci (UIL Foggia): “Bene l’apertura al dialogo ma alle parole ora seguano i fatti”

Il commento del Segretario Generale della UIL Foggia dopo la manifestazione #dalleparoleaifatti

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di FoggiaToday

“Oltre 10mila delegati da tutta Italia. Cgil, Cisl e Uil, hanno ancora una volta dimostrato compattezza, unitarietà e la capacità di essere in sintonia con le istanze dei lavoratori, dei pensionati e dei cittadini. E la Uil Foggia ancora una volta non ha fatto mancare quantità e qualità ad un evento così importante. Abbiamo rilanciato con forza i temi strategici inseriti nella piattaforma unitaria presentata al primo governo Conte”. Questo il giudizio del Segretario Generale della UIL Foggia, Gianni Ricci, a margine dell’assemblea nazionale dei delegati Cgil, Cisl e Uil, svoltasi al Forum di Assago il 9 ottobre scorso per rilanciare le priorità individuate nel documento unitario elaborato dalle Confederazioni per rilanciare il Paese. “Chiediamo impegno e segnali concreti dal nuovo esecutivo su 10 priorità: 1. Ok al taglio dei parlamentari ma il vero tema è come funziona il Parlamento; 2. Investimenti pubblici e privati per rilanciare sviluppo e occupazione; 3. Lotta all’evasione fiscale e contributiva per liberare nuove risorse; 4. Sbloccare i cantieri ma tutelando sempre i diritti dei lavoratori e garantendo sicurezza e applicazione dei contratti; 5. Riduzione della tassazione su lavoro dipendente e pensionati; 6. correzione della legge Fornero; mantenimento di quota 100 e l’introduzione di una pensione di garanzia per i giovani; 7. taglio cuneo fiscale; 8. Rinnovo CCNL pubblico impiego; 9. Più risorse per istruzione e formazione; 10. Revisione decreto sicurezza”, ribadisce il Segretario Generale della Uil Foggia che si sofferma sul positivo cambiamento di clima nei rapporti tra Governo e forze sociali: “Abbiamo apprezzato il cambio di passo e di sensibilità del nuovo esecutivo nei confronti di Cgil, Cisl e Uil. È incoraggiante ma non basta. C’è bisogno di un serio impegno verso lavoratrici e lavoratori, precari e anziani. Come ha detto il nostro Segretario Generale, Carmelo Barbagallo se, entro il 16 novembre, avremo segnali concreti di discontinuità, la manifestazione unitaria pensionati, sarà una grande festa. Altrimenti continueremo con il nostro impegno e le nostre mobilitazioni in tutta Italia.Non è ancora il momento di riporre l’armamentario delle manifestazioni”, conclude Ricci.

Torna su
FoggiaToday è in caricamento