Il Ministero esclude Foggia dai finanziamenti per la lirica, il Tar sospende: "Dalla Commissione eccesso di potere"

Il Tar Lazio ha emesso ordinanza di sospensiva del decreto ministeriale con cui si disponeva la non ammissione del Comune di Foggia alla fase di valutazione dei Progetti Triennali di Lirica Ordinaria. Fiduciosi Landella e Giuliani

La Sezione Seconda Quater del T.A.R. del Lazio ha emesso una ordinanza di sospensiva del Decreto del Ministero dei Beni e delle Attività Culturali (rep. n. 544 del 4 giugno 2018) con il quale si disponeva la non ammissione del Comune di Foggia alla fase di valutazione dei Progetti Triennali di Lirica Ordinaria.

Un pronunciamento importante, perché consente al Comune di Foggia di far riesaminare nel merito la validità e l’ammissibilità del progetto con il quale -per la prima volta- l’ente aveva chiesto contributi economici al Ministero, a valere sul F.U.S. (Fondo Unico per lo Spettacolo), per gli allestimenti lirici dal 2018 al 2020 operati in coproduzione con la O.L.E.S., Orchestra Sinfonica di Lecce e del Salento.

Tra l’altro, i tre titoli del 2018 (“Boheme”, “Cenerentola” e “Fedora”) erano stati già rappresentati con grande successo e si sta lavorando per l’allestimento di altri tre nel 2019 e tre nel 2020.

Il TAR laziale ha accolto le motivazioni aggiuntive presentate dopo l’iniziale ricorso dei legali del Comune di Foggia che si opponeva alle motivazioni dell’esclusione per una “discrasia” rilevata nell’attribuzione di punteggi ai vari partecipanti.

In particolar modo, il TAR ha riconosciuto la validità delle osservazioni che il Comune ha sollevato riguardo alla “debolezza” degli elementi che la commissione ha considerato in fase di valutazione qualitativa (quella più discrezionale), escludendo il Comune di Foggia dalla fase di valutazione quantitativa, nella quale esistono parametri numerici non derogabili e che avrebbero certamente portato a finanziamento il progetto foggiano e salentino.

Il TAR, nelle motivazioni dell’Ordinanza di Sospensiva, ha espressamente scritto che «le modalità seguite dalla Commissione per l'attribuzione del punteggio in particolare in relazione alle voci specificamente indicate dal Comune ricorrente [quello di Foggia, n.d.r.]; criteri che devono essere applicati con omogeneità nei confronti dei concorrenti, essendo la disparità di metro valutativo (più severo nei confronti di un concorrente e più concessivo nei confronti di un altro) un indice sintomatico di "eccesso di potere valutativo" (in tal modo non si intende certo disconoscere 1'ampio potere di valutazione tecnica spettante alle Competenti Commissioni, ma semplicemente ribadire che questa non può comunque essere esercitata in modo arbitrario)».

I magistrati amministrativi hanno anche aggiunto di aver accolto il ricorso del Comune di Foggia «Considerato che il difetto di motivazione in merito al punteggio attribuito per l'elemento di valutazione sopraindicato non è stato sanato nemmeno in corso di giudizio: la generica giustificazione dei punteggi, riportata in termini pressoché identici per ciascuna delle voci oggetto di contestazione, con formule riconducibili alla considerazione che "il punteggio è stato attributo tenendo conto del contesto di riferimento ed in base ad una valutazione complessiva del progetto", non può essere considerata, per la sua estrema genericità, una valida integrazione nel corso del giudizio della motivazione del provvedimento impugnato» e «Considerato, peraltro, che alcune delle censure dedotte, in particolare quelle relative all'adeguatezza dei criteri di attribuzione dei punteggi, comportano, ove accolte, il travolgimento dell'intera procedura concorsuale, per cui occorre disporre l'integrazione del contraddittorio nei confronti di tutti i soggetti ammessi ai finanziamenti per il medesimo settore di attività musicale della parte ricorrente (art. 20 DM 27.7.17) -al fine di consentire ai controinteressati di difendere le posizioni di vantaggio acquisite- […]».

Il TAR del Lazio ha fissato la trattazione di merito del ricorso nel corso di un'udienza pubblica del 19 luglio 2019.

Il Sindaco di Foggia Franco Landella e l’Assessore comunale alla Cultura Anna Paola Giuliani esprimono grande soddisfazione per il risultato raggiunto e fiducia nell’esito della discussione del merito del ricorso.

«La qualità del progetto presentato –ha sottolineato il Sindaco Landella- e le caratteristiche artistiche e tecniche che lo caratterizzano, ad un esame più obiettivo, ci consentiranno sicuramente di accedere al finanziamento ministeriale, come dimostrano gli eventi che abbiamo già portato in scena nei mesi scorsi e quelli che abbiamo programmato per i prossimi anni».

Potrebbe interessarti

  • Il fascino di Càlena, l'abbazia sul Gargano dove si narra vi sia custodito il tesoro di Barbarossa

  • La grotta di San Michele che si specchia sul lago di Varano, un luogo suggestivo che trasmette una sensazione di pace

  • Colon irritabile: cos'è, sintomi e possibili cause

  • Arredare casa: le 5 piante da interno che non hanno bisogno di luce

I più letti della settimana

  • Francesco Ginese non ce l'ha fatta: è morto a Roma

  • Tragedia nelle acque del Gargano: bagnante muore annegato

  • Tragedia alle porte di Foggia, violento impatto tra un furgone e una moto: c'è una vittima

  • Tutta Foggia è con Francesco, che lotta tra la vita e la morte: si è reciso l'arteria femorale mentre scavalcava un cancello

  • Foggia in lacrime per la tragica morte di Francesco: "Addio amico mio, non doveva finire così!"

  • Terribile incidente in moto, muore 38enne foggiano. "Ciao bomber, ora fai gol anche in Paradiso"

Torna su
FoggiaToday è in caricamento