Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Emergenza gelate e xylella in Puglia, Coldiretti avvisa Regione e Governo: “Subito risposte concrete o scendiamo in piazza”

Prosegue la mobilitazione a sostegno dei provvedimenti su gelate e Xylella. Stamani, riunione dei quadri dirigenziali della Coldiretti a Palazzo Dogana

 

Questa mattina si sono riuniti a Palazzo Dogana a Foggia i quadri dirigenti della Coldiretti della Capitanata perché continua la mobilitazione a sostegno dei necessari provvedimenti su gelate e Xylella, fino a quando non saranno assunti ed operativi, per far fronte all’emergenza olivicola pugliese senza precedenti.

"Già a luglio 2018 proponemmo una normativa affinché la Regione affrontasse il problema in attesa del riconoscimento di calamità da parte del Governo. Un articolo all'interno della legge di bilancio prevede un finanziamento di un milione, che può essere ampliato. Ma a oggi il bando non è stato ancora pubblicato, abbiamo modulistica manca l'atto formale. Abbiamo raccolto le domande, ma dobbiamo fare in fretta, ci sono imprese a piedi da un anno e la situazione rischia di restare la stessa anche nei prossimi mesi. Facciamo una pressione sul Governo Regionale e sul Governo nazionale, le risposte devono arrivare subito", ha dichiarato Angelo Corsetti, direttore Coldiretti Puglia.

“La provincia di Foggia è stata pesantemente colpita dalle gelate del febbraio 2018 e faranno sentire la loro voce gli olivicoltori del Gargano, di Orta Nova, Stornara, Stornarella, Carapelle, Ordona, fino a Cerignola che da sola rappresenta 18mila ettari di olivicoltura che aspettano interventi concreti, dopo i ritardi e le mancanze accumulate nei mesi scorsi”, denuncia il presidente di Coldiretti Foggia, Giuseppe De Filippo. “Va subito fermato lo spettro della Xylella che avanza pericolosamente a Nord della
Puglia e, se non si procederà tempestivamente con atti concreti, in un attimo ce la ritroveremo in provincia di Foggia. E’ paradossale – conclude il presidente De Filippo - che quanto accaduto ai nostri colleghi olivicoltori del Salento non sia ancora servito da esempio drammatico per definire una strategia chiara e decisiva contro la malattia che dilaga”.

Dalla inarrestabile strage provocata dalla Xylella alle gelate, dai disastrosi eventi estremi all’invasione di olio straniero a dazio zero al falso Made in Italy fino ai cambiamenti climatici – dice Coldiretti Puglia - sono alcune delle criticità da affrontare per salvare un settore strategico per la salute dei cittadini, il presidio del territorio, l'economia e l’occupazione nel settore olivicolo che rappresenta il volano dell’economia agricola pugliese.

Potrebbe Interessarti

Torna su
FoggiaToday è in caricamento