Boccata d’ossigeno per Pietramontecorvino: 9 milioni di euro contro il dissesto idrogeologico

Il sindaco Raimonto Giallella: “Interventi che risolveranno questioni importanti del centro abitato e limitrofo"

Pietramontecorvino

La Giunta regionale prende atto del primo stralcio di interventi contro il dissesto idrogeologico relativo al “Fondo per la progettazione degli interventi contro il dissesto idrogeologico”. Il provvedimento riguarda anche alcuni comuni dei Monti Dauni: in particolar modo Pietramontecorvino, che ha ricevuto finanziamenti per tre progetti. Si tratta, nello specifico, di un intervento di completamento per la mitigazione del dissesto idrogeologico del centro urbano, finanziato con tre milioni e mezzo di euro; messa in sicurezza versante collinare San Pardo, finanziato 1,8 milioni di euro; intervento di completamento per la mitigazione del dissesto idrogeologico centro abitato nella zona Piscarelli-Fontanili, finanziato con 3,7 milioni di euro.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Per il sindaco di Pietramontecorvino, Raimondo Giallella, si tratta di “una buona idea ed un boccata di ossigeno per le amministrazioni che non hanno fondi per le progettazioni" e di "interventi che risolveranno questioni importanti del centro abitato e limitrofo". L’attuazione degli interventi sarà curata dal soggetto attuatore del presidente della Regione in qualità di commissario di governo per l’attuazione degli interventi. La deliberazione non comporterà implicazioni di natura finanziaria sia di entrata che di spesa e dalla stessa non deriva alcun onere a carico del Bilancio regionale.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Terribile incidente sulla Statale 16: tir si ribalta a pochi chilometri da Foggia, un morto e un ferito

  • Coronavirus, piccola impennata di contagi nel Foggiano: 10 nuovi casi. Calano i positivi in Puglia

  • Si torna a ballare in Puglia: verso la riapertura di club e discoteche all'aperto

  • Covid: nove dei 10 contagi sono del focolaio di Torremaggiore. Tre ricoverati e 83 persone in quarantena

  • Il gruppo Amadori vende azienda del Foggiano per 30 milioni. I nuovi proprietari sono le 'Fattorie Garofalo' di Capua

  • Locale sovraffollato, multa e 5 giorni di chiusura dopo 70 giorni di stop forzato. Titolari si scusano: "Situazione ingestibile"

Torna su
FoggiaToday è in caricamento