La Regione tende la mano ai Comuni: oltre 9 milioni di euro per fronteggiare la crisi economica da Coronavirus

Gli enti locali potranno ora attivare interventi di protezione sociale in favore di nuclei familiari con particolari fragilità sociale o i lavoratori autonomi risultati privi di qualsiasi reddito a causa della pandemia da Covid-19 e non destinatari di misure di sostegno previste dalla normativa statale

Immagine di repertorio

Oltre 9 milioni di euro ai Comuni pugliesi per fronteggiare le conseguenze socio-economiche derivanti dalla pandemia da Coronavirus. Su proposta dell’assessorato al Welfare, la Giunta regionale ha assegnato ai Comuni pugliesi 9.473.693 euro.

Il provvedimento è stato adottato nella seduta straordinaria odierna in attuazione della legge regionale n. 12 del 15 maggio 2020. Gli enti locali potranno così attivare interventi di protezione sociale in favore di nuclei familiari con particolari fragilità sociali, privi di qualunque forma di assistenza economica in corso di erogazione, ovvero a lavoratori autonomi risultati privi di qualsiasi reddito a causa della pandemia da Covid-19 e non destinatari di misure di sostegno previste dalla normativa statale.

L’assessore al Welfare, Salvatore Ruggeri, si è detto particolarmente soddisfatto per il provvedimento adottato dalla Giunta: “Nell’attuale situazione di emergenza è fondamentale che Regione e Comuni facciano, nel rispetto dei propri ruoli e funzioni, ogni sforzo utile a mantenere e rafforzare la massima coesione sociale di fronte alle sfide delle emergenza, con particolare attenzione nei confronti di coloro che si trovano a causa della pandemia in condizione di grave disagio socio-economico”, ha sottolineato Ruggeri.

“Per questo, alla luce del permanere della situazione di particolare emergenza socio-economica in Puglia, abbiamo inteso adottare con estrema rapidità una misura capace di dare continuità agli interventi già in essere, offrendo una ulteriore risposta ai bisogni essenziali, anche non alimentari, dei nuclei familiari pugliesi più esposti alla crisi economica derivante dall’epidemia Covid-19”.

Tra gli altri provvedimenti approvati in giunta oggi, vi sono le misure urgenti per il sostegno economico alle imprese a seguito dell’emergenza epidemiologica da Covid-19, con la modifica del regolamento degli aiuti De Minimis, con l’innalzamento del limite. Gli aiuti “de minimis” sono a cura della società Puglia Sviluppo, la cui organizzazione è stata anche autorizzata all’adeguamento degli organici per la gestione degli strumenti agevolativi emergenziali disposti dalla Regione.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Approvata, infine, l’istituzione di tre nuove Crap – Comunità riabilitative di assistenza psichiatrica, da 14 posti l’una, da situare nel Salento, nell’area del Barese e di Foggia/Bat. L’obiettivo è di fornire prestazioni in ambito della riabilitazione psichiatrica che finora la Puglia non offriva, come la cura di alcune dipendenze patologiche o degli eccessi alimentari.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Terribile incidente stradale sulla A14 nel Foggiano: morto intrappolato tra le fiamme il conducente di un camion

  • Omicidio a Cerignola: uccisa donna di 41 anni in via Fabriano, il marito il principale indiziato del delitto

  • A Vieste l'alloggio è gratis: appartamento fronte mare in cambio di 5 ore al giorno con i cani dell'oasi

  • Il tuffo in mare, il malore e la morte: annega a Vieste Rossano Cochis, braccio destro di Vallanzasca detto 'Nanu'

  • Ultima ora: 12 arresti nell'operazione 'Turn-over'. Sgominato traffico di droga, metodi mafiosi e armi a Trinitapoli

  • Assalto paramilitare al blindato portavalori della Cosmopol: sgominata la banda, arresti anche nel Foggiano

Torna su
FoggiaToday è in caricamento