Centri semiresidenziali chiusi per l'emergenza Covid-19, si rischia ricaduta: "Provare modalità alternative"

Fp Cgil scrive agli enti, aziende pubbliche e stazioni appaltanti sulla prosecuzione delle attività nei centri a carattere socio-assistenziali, socio educativi per persone con disabilità

La Funzione Pubblica Cgil Di Foggia, in una nota a firma della Segreteria Provinciale, ha inviato a tutti gli Enti e Aziende Pubbliche, nonché alle stazioni appaltanti (ASL, Comuni, Provincia e Ambiti Territoriali) e p.c. a Sua Ecc. Il Prefetto di Foggia, al Presidente della Regione Puglia e al Direttore del Dipartimento Promozione della Salute, del Benessere Sociale e dello Sport per tutti Dott. Vito Montanaro, una comunicazione concernente la prosecuzione delle attività in modalità alternative come previsto dal D.L 18/2020 agli artt.47 e 48 c.2, al fine di garantire la continuità dei servizi agli utenti e i livelli occupazionali.

"In questi giorni - dichiarano i segretari provinciale e generale di Fp Cgil Angelo Ricucci e Mario La Vecchia - nelle more che tutte le stazioni appaltanti procedano con gli Enti gestori dei servizi affidati, alla sottoscrizione di coprogettazioni, così come previsto dal DL, stiamo procedendo alla sottoscrizione di accordi con le Società Cooperative, per ottenere le misure di sostegno previste per tutti i lavoratori e lavoratrici interessati.

Pur tuttavia, non riteniamo utile andare in questa direzione, poiché, la ricaduta significa la sospensione del servizio agli utenti e la perdita dei posti di lavoro.

Evidenziamo che, la lettura politica, nello spirito del Legislatore in merito alla elaborazione e la stesura del DL18/2020 e precisamente negli artt.47 e 48 c.2, era ed è, quella di garantire la continuità dei servizi in modalità alternative, la garanzia delle retribuzioni ai lavoratori ed in ultimo il sostegno alle Soc. Coop. gestori dei servizi esternalizzati.

Vorremmo solo ricordare che, i fruitori di questi servizi sono bambini, persone con disabilità e altri soggetti svantaggiati.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Ci auguriamo, da chi oggi deve governare questi processi, ogni utile sforzo, preservando salute e sicurezza, ma mantenendo continuità nelle relazioni avviate con gli utenti e con le operatrici ed operatori impiegate/i nei Servizi.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Emergenza Coronavirus: è pandemia mondiale, scopriamo i sintomi e come proteggersi

  • In arrivo un nuovo decreto, filtra una bozza: restrizioni fino al 31 luglio e multe fino a 4mila euro per i trasgressori

  • Capitanata sotto choc, medico muore nell'inferno del Coronavirus. "Unica colpa è di aver fatto il suo dovere"

  • Coronavirus: due città diventano 'zona rossa' con almeno 51 casi positivi, quattro sono amaranto e tre lilla

  • "Mai visto nulla di simile". Dentro l'ospedale Covid di Casa Sollievo. Il dr Del Gaudio: "Il lavoro è duro e complesso"

  • Chiudono le pompe di benzina e gasolio: si comincia da mercoledì: "Da soli non ce la facciamo"

Torna su
FoggiaToday è in caricamento