In moto verso l'Africa, per regalare un futuro agli orfani: è la missione di cinque foggiani

Iniziativa di un gruppo di amici avviata con la raccolta fondi di 'Bikers for life'. La partenza è prevista per il 25 ottobre. Il 9 novembre arrivo previsto a 'Casa Bambaran'

I bikers foggiani

Continua la raccolta fondi di ‘Bikers for life’, l’iniziativa benefica di un gruppo di amici foggiani amanti delle moto. Giulio Loporchio, Paolo Ranieri, Cristian D’Emilio, Giannicola Caione e Mario De Luca, che da alcuni mesi hanno attivato una campagna di solidarietà per costruire un asilo nell'orfanotrofio ‘Bambaran’, in Guinea Bissau, partiranno presto per il lungo viaggio che li porterà, su due ruote, nel cuore dell’Africa, per consegnare il denaro.

“Dal gennaio scorso abbiamo già raccolto oltre 8mila euro ma il nostro obiettivo è quello di toccare i 10mila. Per completare il nostro progetto, quindi - aggiunge Cristian D’Emilio, che viaggerà a bordo della sua Ducati Multistrada 1200 - serve ancora l’aiuto di tutti. Molti cittadini e associazioni, in primis Solidaunia, che è partner dell’iniziativa, ci hanno già supportati, ora bisogna fare l’ultimo sforzo”.

Il denaro servirà a completare i lavori di costruzione dell’asilo, che potrà accogliere 60 bambini, all’interno della struttura per minori in difficoltà e sarà recapitato dai ragazzi di “Bikers for life” grazie ad una spedizione, che si snoderà lungo undici tappe. La partenza per il percorso programmato è prevista il 25 ottobre, con il primo step che da Foggia li porterà a Livorno. Nella città toscana ci sarà l'imbarco su una nave diretta a Tangeri, in Marocco.

Di qui, il viaggio proseguirà su due ruote attraverso Marrakech, Bojodou, Dajla, nel deserto del Sahara. L’ultima tappa, da Tambacounda, grande città della parte orientale del Senegal, a 400km a sud-est dalla capitale Dakar, a  Bissau, li porterà dopo 415 km direttamente a Casa Bambaran, il 9 novembre. “Qui resteremo due giorni con i bambini, per festeggiare il momento e la realizzazione di un progetto nato spontaneamente.

Tutto, infatti, è nato per caso, una sera quando alcuni amici, appena rientrati dalla Guinea Bissau, ci hanno mostrato delle fotografie dell’orfanotrofio di Bambaran. Vedere i volti di quei bambini ha suscitato in noi un pensiero: unire la passione per i viaggi in moto alla solidarietà. E così abbiamo immaginato un lungo viaggio di beneficenza, che potesse accendere una speranza, sostenendo la creazione dell'asilo a Bambaran.

L'immagine – quella di un futuro possibile anche per quei bambini - che potesse rappresentare anche la nostra idea si è subito concretizzata: l’Africa racchiusa in una mano, un percorso, un omino in moto e una scritta: “Bikers for life”, Motociclisti per la vita. Da quell'immagine è nato il nostro logo, la nostra missione”.

Per sostenere il progetto benefico è possibile fare una donazione tramite bonifico bancario sul conto intestato a Bikers For Life - In moto per un sorriso, IBAN IT 81 Q 01010 67684 510706631823 (Banco di Napoli), causale “Un asilo per Casa Bambaran”. L’avventura di Bikers for life continua.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (1)

  • Per favore non andate nelle zone a rischio rapimenti. Non fate come quelle due ragazze che sono andate in Siria a portare aiuti del valore di 5.000 euro ed ora ci vogliono 5.000.000 di euro (se bastano) per liberarle

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Cormorani killer devastano impianto di itticoltura sull'isola di Varano: danni per 500mila euro

  • Cronaca

    Una bomba ecologica chiamata Giardinetto: rifiuti pericolosi interrati e accantonati, entro il 2020 sarà tutto finito

  • Politica

    Altro che Codice etico, la Lega umilia Landella: "Eleggeremo un sindaco, non tutta la sua famiglia"

  • Cronaca

    7mila mq trasformati in discariche abusive nel Foggiano: 800 tonnellate di rifiuti speciali e 5 carcasse d'auto abbandonate

I più letti della settimana

  • Incidente mortale a Foggia: esce fuori strada e si schianta contro il pilone del ponte di via Manfredonia

  • Clamoroso ma vero: diventa papà a 93 anni, la neo mamma ne ha 42 (il parto al Tatarella di Cerignola)

  • Escogita un trucco per superare il quiz della patente, ma viene scoperto e finisce al pronto soccorso

  • La lente della DIA sulla Società, che esporta strategie mafiose fuori città: batterie in guerra ma situazione di stallo

  • Angelica, la studentessa bullizzata "perché femminista e di sinistra". Odio, "puttana" e svastiche. In 52 dicono "Basta!"

  • Tifosi foggiani aggrediti a Padova: ferito 22enne, ultrà gli rubano anche la sciarpa e allo stadio parte il coro: "Teron Teron"

Torna su
FoggiaToday è in caricamento