La storia dimenticata: "grave stato di abbandono" della torre costiera dal grande valore architettonico e culturale

La lettera di Matteo Vocale al alla Soprintendenza ai Beni Culturali e del Turismo di Bari e Foggia

La situazione della torre costiera del XVI secolo in agro di San Nicandro Garganico è peggiorata: permane il "grave stato di abbandono". A denunciarlo in una nota inviata alla Soprintendenza ai Beni Culturali e del Turismo di Bari e Foggia è Matteo Vocale.

Vocale scrive: "Con la menzionata nota (Vs. prot. n. 1553 del 26/02/2018), codesta Soprintendenza a seguito di sopralluogo ispettivo in data 21/02/2018, asseriva,  quasi il repertorio fotografico a corredo della precedente nostra del 04-01-2018 fosse pura invenzione, che lo stato dell'immobile era in ottime condizioni.

Nella successiva estate, periodo a cui risalgono le fotografie allegate alla  presente, la situazione si presentava assai peggiore, con porta al piano terra  priva di serratura e, perciò accessibile ai vandali; piani superiori  completamente invasi da nidificazione di colombi, con strumentazione  multimediale e suppellettili totalmente e irrimediabilmente deturpate e  danneggiate da guano; gabbiotto superiore in grave stato di precarietà  strutturale per infiltrazioni di acque meteoriche protratte ormai da anni senza  il minimo intervento.

Tale situazione ha irrimediabilmente compromesso la strumentazione di cui la  struttura era dotata, afferente a PO-FESR 2007-2013 per oltre 200mila euro di  finanziamenti che, ad oggi, risultano essere stati letteralmente buttati alle  ortiche senza alcuna utilità, per totale incuria della precedente gestione  dell'Ente concessionario (Parco Nazionale del Gargano).

Al momento la situazione resta identica. Di più, la porta del gabbiotto  superiore della struttura è aperta ormai da mesi, alla mercé di intemperie e  colombi e altri volatili che ormai hanno fatto casa nell'intero immobile, nonostante segnalazioni verbali al Comune di San Nicandro Garganico già a partire dall'inizio del mese di dicembre 2018.

Considerato che la struttura era in ottime condizioni, tanto da ospitare iniziative, mostre, eventi e garantire visite dal giugno 2006 e fino all'estate 2013, non ci si può esimere dall'esprimere rabbia e risentimento per come i soldi dei contribuenti siano stati sperperati con la sola causa dell'abbandono di un bene storico, architettonico e culturale, peraltro particolarmente e potenzialmente importante per la Comunità locale e per il Gargano.

Si chiede alle SS.LL., al netto della corrente fase (ormai dilatata oltremodo e  che comunque non può e non deve arrivare a pregiudicare lo stato dell'immobile)  di passaggio di proprietà del bene tra il Demanio e il Comune di intervenire  nel più breve tempo, per le singole competenze si spera, in maniera diretta e  tempestiva al fine di accertare anche eventuali responsabilità, per cui lo  scrivente si riserva notiziare comunque le Autorità competenti.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Cormorani killer devastano impianto di itticoltura sull'isola di Varano: danni per 500mila euro

  • Cronaca

    Una bomba ecologica chiamata Giardinetto: rifiuti pericolosi interrati e accantonati, entro il 2020 sarà tutto finito

  • Politica

    Altro che Codice etico, la Lega umilia Landella: "Eleggeremo un sindaco, non tutta la sua famiglia"

  • Cronaca

    7mila mq trasformati in discariche abusive nel Foggiano: 800 tonnellate di rifiuti speciali e 5 carcasse d'auto abbandonate

I più letti della settimana

  • Incidente mortale a Foggia: esce fuori strada e si schianta contro il pilone del ponte di via Manfredonia

  • Clamoroso ma vero: diventa papà a 93 anni, la neo mamma ne ha 42 (il parto al Tatarella di Cerignola)

  • Escogita un trucco per superare il quiz della patente, ma viene scoperto e finisce al pronto soccorso

  • La lente della DIA sulla Società, che esporta strategie mafiose fuori città: batterie in guerra ma situazione di stallo

  • Angelica, la studentessa bullizzata "perché femminista e di sinistra". Odio, "puttana" e svastiche. In 52 dicono "Basta!"

  • Tifosi foggiani aggrediti a Padova: ferito 22enne, ultrà gli rubano anche la sciarpa e allo stadio parte il coro: "Teron Teron"

Torna su
FoggiaToday è in caricamento