La storia dimenticata: "grave stato di abbandono" della torre costiera dal grande valore architettonico e culturale

La lettera di Matteo Vocale al alla Soprintendenza ai Beni Culturali e del Turismo di Bari e Foggia

La situazione della torre costiera del XVI secolo in agro di San Nicandro Garganico è peggiorata: permane il "grave stato di abbandono". A denunciarlo in una nota inviata alla Soprintendenza ai Beni Culturali e del Turismo di Bari e Foggia è Matteo Vocale.

Vocale scrive: "Con la menzionata nota (Vs. prot. n. 1553 del 26/02/2018), codesta Soprintendenza a seguito di sopralluogo ispettivo in data 21/02/2018, asseriva,  quasi il repertorio fotografico a corredo della precedente nostra del 04-01-2018 fosse pura invenzione, che lo stato dell'immobile era in ottime condizioni.

Nella successiva estate, periodo a cui risalgono le fotografie allegate alla  presente, la situazione si presentava assai peggiore, con porta al piano terra  priva di serratura e, perciò accessibile ai vandali; piani superiori  completamente invasi da nidificazione di colombi, con strumentazione  multimediale e suppellettili totalmente e irrimediabilmente deturpate e  danneggiate da guano; gabbiotto superiore in grave stato di precarietà  strutturale per infiltrazioni di acque meteoriche protratte ormai da anni senza  il minimo intervento.

Tale situazione ha irrimediabilmente compromesso la strumentazione di cui la  struttura era dotata, afferente a PO-FESR 2007-2013 per oltre 200mila euro di  finanziamenti che, ad oggi, risultano essere stati letteralmente buttati alle  ortiche senza alcuna utilità, per totale incuria della precedente gestione  dell'Ente concessionario (Parco Nazionale del Gargano).

Al momento la situazione resta identica. Di più, la porta del gabbiotto  superiore della struttura è aperta ormai da mesi, alla mercé di intemperie e  colombi e altri volatili che ormai hanno fatto casa nell'intero immobile, nonostante segnalazioni verbali al Comune di San Nicandro Garganico già a partire dall'inizio del mese di dicembre 2018.

Considerato che la struttura era in ottime condizioni, tanto da ospitare iniziative, mostre, eventi e garantire visite dal giugno 2006 e fino all'estate 2013, non ci si può esimere dall'esprimere rabbia e risentimento per come i soldi dei contribuenti siano stati sperperati con la sola causa dell'abbandono di un bene storico, architettonico e culturale, peraltro particolarmente e potenzialmente importante per la Comunità locale e per il Gargano.

Si chiede alle SS.LL., al netto della corrente fase (ormai dilatata oltremodo e  che comunque non può e non deve arrivare a pregiudicare lo stato dell'immobile)  di passaggio di proprietà del bene tra il Demanio e il Comune di intervenire  nel più breve tempo, per le singole competenze si spera, in maniera diretta e  tempestiva al fine di accertare anche eventuali responsabilità, per cui lo  scrivente si riserva notiziare comunque le Autorità competenti.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Economia

    Pietra tombale sul treno tram, l'assessore Giannini conferma: "L'opera da 50milioni di euro non si fa più"

  • Sport

    L'amaro sfogo di Pirazzini: "Fa male vedere il Foggia in questa situazione. Salvezza? Più facile puntare ai playout"

  • Cronaca

    San Marco in Lamis 'Libera' il coraggio di ribellarsi alla mafia "che ha ucciso la comunità": "Perché non accada mai più"

  • Cronaca

    Dai fratelli Luciani al carabiniere Di Gennaro. La moglie di Luigi: "Quanti innocenti ancora devono morire, quanti?"

I più letti della settimana

  • Omicidio di mafia sul Gargano, svolta sull'uccisione di Silvestri: arrestate due persone su ordine della DDA

  • Attimi di paura in un fondo agricolo: incastrato con la gamba nella fresatrice, agente penitenziario portato in ospedale

  • Incidente stradale sulla Foggia-Lucera: auto e Apecar si scontrano sulla Statale 17 in direzione del capoluogo

  • Minaccia di morte una donna, lei chiama il 112: carabiniere aggredito in strada e "nessuno è intervenuto"

  • Attimi di terrore nella gioielleria: titolare aggredito perde i sensi, cliente in ginocchio e fuga con i preziosi (arrestati)

  • Altra aggressione ad un carabiniere: accade agli Ospedali Riuniti, arrestato

Torna su
FoggiaToday è in caricamento