Orrore a Foggia: maltrattava il figlio epilettico, con un paletto di metallo gli frattura braccio e ginocchio

E' quanto scoperto dagli agenti della Squadra Mobile di Foggia che, all'esito di indagini coordinate dalla Procura, hanno eseguito una ordinanza applicativa del divieto di avvicinamento nei confronti di due cittadini macedoni, padre e zia del bambino, rispettivamente classe 88 e 92

Immagine di repertorio

Violenze fisiche e psicologiche sul figlio epilettico, reiterate nel tempo. E' quanto scoperto dagli agenti della Squadra Mobile di Foggia che, all'esito di indagini coordinate dalla Procura, hanno eseguito una ordinanza applicativa del divieto di avvicinamento emessa dal GIP presso il Tribunale di Foggia nei confronti di due cittadini macedoni, fratello e sorella rispettivamente classe 88 e 92.

I due - padre e zia del bambino maltrattato - sono ritenuti gravemente indiziati dei reati di maltrattamenti e lesioni personali posti in essere ai danni del figlio dell’uomo. L’attività investigativa della Squadra Mobile permetteva di ricostruire come i due cittadini macedoni avessero sottoposto quest’ultimo ad un regime di vita intollerabile, sia sotto il profilo materiale che morale, con atti di grave trascuratezza e di sopraffazione, tali da alimentare nel minore un continuo stato di pressione e prostrazione psicologica.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il minore veniva altresì trascurato nelle necessità quotidiane, senza che alcuno provvedesse alla cura e alla pulizia personale, omettendo intenzionalmente di provvedere alle cure della salute del minore, affetto da epilessia, senza che venissero forniti i farmaci necessari. A tali già gravi condotte si aggiungevano episodi di violenza fisica, a volte anche con una cintura, con cui il padre del piccolo colpiva quest’ultimo ripetutamente. Gli episodi di violenza fisica raggiungevano nel gennaio 2019 il loro culmine, allorquando il cittadino macedone aggrediva il minore con un paletto metallico causando la frattura scomposta dell’avambraccio destro e la frattura della rotula della gamba sinistra.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Terribile incidente stradale sulla A14 nel Foggiano: morto intrappolato tra le fiamme il conducente di un camion

  • Omicidio a Cerignola: uccisa donna di 41 anni in via Fabriano, il marito il principale indiziato del delitto

  • A Vieste l'alloggio è gratis: appartamento fronte mare in cambio di 5 ore al giorno con i cani dell'oasi

  • Il tuffo in mare, il malore e la morte: annega a Vieste Rossano Cochis, braccio destro di Vallanzasca detto 'Nanu'

  • Ultima ora: 12 arresti nell'operazione 'Turn-over'. Sgominato traffico di droga, metodi mafiosi e armi a Trinitapoli

  • Assalto paramilitare al blindato portavalori della Cosmopol: sgominata la banda, arresti anche nel Foggiano

Torna su
FoggiaToday è in caricamento