Dopo anni di illegalità, tornano ai viestani le grotte di San Nicola di Mira. Nobiletti: "Ora restauro e apertura al pubblico"

Dopo anni di occupazione illegittima, sgomberato con la forza il complesso archeologico. Ad annunciarlo è lo stesso sindaco, che sui social ha postato le prime immagini. "Vieste sarà prima città culturale" dichiara ambizioso

Dopo anni di occupazione illegittima, torna nella disponibilità del Comune di Vieste il complesso delle grotte di San Nicola di Mira. Ad annunciarlo è lo stesso sindaco, Giuseppe Nobiletti, che sui social ha postato le prime immagini del sito archeologico, collocato in pieno centro cittadino, e per lungo tempo occupato da un privato, nonostante fosse senza titolo.

C’è voluta la forza pubblica per obbligarlo ad abbandonare. “Un grande ringraziamento al dirigente Luigi Vaira, alla Polizia Locale e ai Carabinieri della Tenenza di Vieste che hanno reso possibile nei giorni scorsi la liberazione del sito” scrive Nobiletti su Facebook. Che ha già fatto ieri un primo sopralluogo unitamente all'assessore Graziamaria Starace e gli archeologi Giulio Volpe e Pruneti. “E’ in parte danneggiato ed irrimediabilmente compromesso dall'uso improprio operato in questi ultimi anni – spiega a Foggiatoday il sindaco-. Nei prossimi mesi lavoreremo in stretta collaborazione con la sovraintendenza archeologica di Foggia per restituire all'intera città questa importante testimonianza della nostra storia”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Progetto e risorse sono tutte da quantificare. “Chiederemo aiuto alla Regione Puglia” preannuncia il primo cittadino, intenzionato ad aggiungere un ulteriore tassello al polo culturale che sta nascendo a Vieste, “sì da lanciarla quale prima meta culturale pugliese” dichiara, ambizioso. Sono diversi i luoghi di interesse storico-culturale occupati abusivamente nella cittadina garganica. Nelle prossime settimane l’amministrazione comunale metterà mano ad altri sgomberi, ci preannuncia Nobiletti. Si tratta sicuramente di operazioni non facili. Quest’ultima, ad esempio, sta lasciando strascichi personali incresciosi per il primo cittadino, che adirà le vie legali contro l’occupante abusivo di San Nicola di Mira.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Foggia: trovato cadavere in un'auto

  • Coronavirus: le persone con il gruppo sanguigno A sviluppano sintomatologie più gravi, gruppo 0 è più protetto

  • Palpeggia, solleva e stringe a sè ragazza in via Sabotino. Interviene la polizia. Cittadino denuncia: "Siamo stanchi"

  • "Il botto è stato tremendo". Carabinieri evitano il linciaggio di due giovani, nel tamponamento ferito un bambino

  • Violenza sessuale su ragazza di 20 anni. Il racconto tra le lacrime: "Mi teneva così stretta che non riuscivo a liberarmi"

  • Uomo scomparso a Foggia, da 24 ore non si hanno più notizie. I familiari: "Aiutateci a ritrovarlo"

Torna su
FoggiaToday è in caricamento