Vieste, racket: Tano Grasso promette la riapertura dello “Scialì”

Il presidente della Federazione Nazionale Antiracket ha partecipato a una riunione tenutasi presso la Camera di Commercio: "Mafia principale ostacolo del Mezzogiorno"

Entro giugno riaprirà il ristorante “Scialì” del lido Oasi teatro dell’increscioso atto intimidatorio incendiario. Lo ha affermato Tano Grasso, il presidente della Federazione Nazionale Antiracket, intervenuto a una riunione tenutasi presso la Camera di Commercio di Foggia , dov’era presente anche il titolare (membro del direttivo) del locale situato sul lungomare Mattei di Vieste distrutto nella notte tra sabato e domenica.

Grasso ha sottolineato l’importanza della costituzione di un’associazione antiracket nel centro garganico come risposta al principale ostacolo del Mezzogiorno, la mafia. Per spezzare il muro di omertà e dare un segnale forte a una comunità che nel silenzio vive queste atroci dinamiche, Grasso e Mantovano si impegneranno a far riaprire la struttura con l’inizio della stagione estiva, perché – come afferma il presidente – sarebbe assurdo che restassero aperti coloro che si piegano al pizzo e chiusi coloro che si rifiutano.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Inseguimento da film nel Foggiano: fuga a folle velocità tra la nebbia per 40 km, volanti speronate e sul finale lo schianto

  • Presa la banda foggiana che assaltava i bancomat: tre colpi in 20 giorni, quattro arresti

  • Corsa contro il tempo per Domenico, il 37enne e padre di due bambini colpito da una rara malattia: "Aiutateci a salvarlo"

  • Incidente stradale sulla Statale 89: auto perde il controllo e finisce contro un muro, a bordo tre persone

  • 400 ulivi tagliati 'con le mani', amaro risveglio nei campi di Stornarella. La vittima: "Buon miserabile Natale anche a voi!"

  • Domestica ruba denaro in casa, viene incastrata dalle telecamere e minaccia la proprietaria: "Stai attenta, non sai chi sono io"

Torna su
FoggiaToday è in caricamento