Pescatore morto annegato a Carlantino: il corpo del 27enne ritrovato in un vascone irriguo

A lanciare l'allarme ai carabinieri di Lucera è stato il proprietario di un'azienda agricola di Carlantino. Il dramma nei pressi della diga d'Occhito

Il luogo del ritrovamento

E' stato recuperato senza vita nelle acque della diga di Occhito il bracciante agricolo di cui si erano perse le tracce questa mattina a Carlantino. Dopo aver passato a setaccio un vascone irriguo della zona insieme ai vigili del fuoco di Foggia e Lucera, i sommozzatori del 115 provenienti da Taranto hanno recuperato il cadavere di Tanase Fanica, 27enne di nazionalità romena.

A denunciarne la scomparsa era stato datore di lavoro, che non vedendolo arrivare in azienda, aveva immediatamente allertato i carabinieri di Lucera indicando il luogo dove solitamente il ragazzo era solito andare a pescare. Giunti sul posto, i militari dell'Arma avevano trovato il telefono cellulare, la canna e una carpa avvolta nella maglietta. Il ventottenne è morto per annegamento.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Terribile incidente nel Foggiano: morto 42enne. Dopo il violento impatto, l'auto si è ribaltata ed è finita fuori strada

  • Si sfiora la rissa in Chiesa, zuffa tra parrocchiani e neocatecumenali (che vogliono la corona misterica): "Giù le mani dal crocifisso"

  • Referendum Costituzionale, il 29 marzo si vota sul taglio dei parlamentari: tutto quello che c'è da sapere

  • Come in un film, in tre tentano di assaltare negozio ma sulla scena irrompono i carabinieri: immobilizzati e ammanettati

  • In Puglia 5 casi con sintomi sovrapponibili a quelli del Coronavirus: chi rientra a casa dalle zone rosse deve comunicarlo

  • Ultima ora - Arresti all'alba nel Foggiano: scoperti rifiuti interrati nel Parco del Gargano

Torna su
FoggiaToday è in caricamento