Sorpresa degli ultras del Foggia: sciarpe in regalo ai pazienti dei centri di salute mentale: "Non siamo teste calde!"

Tra cori da stadio ed emozioni, successo, ieri, a ParcoCittà per la Festa di Natale della Cooperativa Sociale “Anteo” dedicata alla salute mentale, alla lotta allo stigma ed alla sensibilizzazione sul disturbo psichico

La festa a ParcoCittà

Quando la solidarietà chiama Parcocittà prontamente risponde: le porte del centro polivalente di via Rovelli ieri pomeriggio si sono aperte per la Festa di Natale della Cooperativa Sociale “Anteo” dedicata alla salute mentale, alla lotta allo stigma ed alla sensibilizzazione sul disturbo psichico.

I pazienti, le loro famiglie e gli operatori dei centri "Anteo" di Foggia, Anzano, Panni, Deliceto e Troia hanno riempito le sale di Parcocittà per un pomeriggio pieno di gioia e di condivisione animato da tante attività co-organizzate dalle due realtà sociali. Un centinaio di persone arrivate da tutta la provincia hanno preso parte alla festa svoltasi tra canti e danze, yoga della risata a cura di Concetta Francavilla dell'associazione "Runner Parco San Felice", un ricco buffet con taglio della torta finale nella casa di Babbo Natale allestita da Parcocittà e, dulcis in fundo, la tombolata in vernacolo foggiano condotta da un banditore d'eccezione, l'attore Felice di Maro. 

Ospiti dell'evento anche i centri "Villa Piserchia" di Foggia e "Il Girasole" di Zapponeta del Gruppo Spes, oltre agli operatori del Gruppo Cinofilo Dauno (Enci - Ente nazionale cinofilia italiana) che insieme ai loro dolcissimi amici a quattro zampe hanno dato vita a un intervento dimostrativo di attività assistita con animali e pet-therapy di cui i pazienti dei centri di salute mentale si avvalgono quotidianamente. Non è mancata neppure una graditissima e calorosa sopresa: la visita dei gruppi ultras organizzati del Foggia Calcio, afferenti a Curva Sud e Curva Nord, che hanno fortemente voluto essere presenti all'evento per un saluto e per regalare ai pazienti le sciarpe delle tifoserie.

"Questa è la dimostrazione che al di là di come ci dipingono, 'le solite teste calde', siamo capaci di gesti di solidarietà mostrandoci al fianco di chi ha bisogno". Tanta è stata la gioia dei pazienti, ieri sera, nell'intonare insieme agli ultras i cori del Foggia in continuazione con il progetto in corso allo stadio Zaccheria, che permette alle persone dei centri per la salute mentale di poter assistere alle partite dei Satanelli e sostenerli insieme alle tifoserie organizzate: domenica 22 dicembre, prima del match, entreranno in campo e andranno sotto le curve, che a loro volta li omaggeranno con dei peluche lanciati dagli spalti. 

“Parcocittà ha mostrato tutta la sua sensibilità e il suo impegno sociale sposando la mission delle strutture di riabilitazione psichiatrica afferenti al Gruppo Anteo-Puglia (Centri diurni, Comunità-alloggio e Comunità di riabilitazione e assistenza psichiatrica con formula residenziale). Nelle comunità e nei centri diurni gli operatori lavorano con impegno e dedizione affinchè le persone con disturbo psichico possano avere la possibilità, attraverso percorsi riabilitativi individualizzati,attività laboratoriali e momenti di socializzazione, di integrarsi e tornare a vivere in autonomia nei contesti sociali di appartenenza. La sfida dei prossimi mesi sarà quella di creare dei piccoli percorsi lavorativi che possano potenziare e migliorare gli obiettivi che auspichiamo per i nostri pazienti”, hanno spiegato con gli occhi pieni di gioia, gratitudine e speranza i coordinatori della Cooperativa Sociale "Anteo".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Terribile incidente sulla Statale 16: morto 36enne di Cerignola, fatale lo scontro tra auto e camion

  • San Severo come 'Gomorra': la pantera forse fuggita dalla residenza di un boss, si teme fuga verso altri comuni

  • La 'caccia' alla pantera si sposta sul Gargano: avvistamenti, in arrivo altri specialisti (trappole farcite e 'Predator')

  • Marito e moglie di Foggia fermati in stazione dalla Polfer: nel portafogli di lui c'erano due 'chèque' ambigui

  • Scoperto lo stratagemma di un direttore delle Poste del Foggiano: così avrebbe incassato i profitti degli investimenti dei clienti

  • Pierpaolo non ce l'ha fatta, è morto dopo una battaglia contro un tumore al sangue: "Straziante momento per tutti"

Torna su
FoggiaToday è in caricamento