Il Siulp abbraccia la famiglia Di Gennaro. "Ora occorre riflettere sulla esposizione degli operatori della sicurezza"

Il Segretario Generale Siulp Felice Romano: "Serve una risposta legislativa e giuridica per dare strumenti concreti alle donne e agli uomini in uniforme per evitare che quanto accaduto a Vincenzo questa mattina non si ripeta più"

Immagine di repertorio

"Esprimo profondo cordoglio e vicinanza ai familiari del maresciallo Vincenzo Di Gennaro e a tutti i colleghi dell’Arma, per la grave perdita avvenuta lo scorso sabato mattina, a Cagnano Varano, nel corso di un normale controllo ad un 64enne con precedenti per reati contro gli stupefacenti. Vicinanza, con i migliori auspici di una pronta e immediata guarigione, al carabiniere Pasquale Casertano, ferito nella medesima circostanza e ora ancora ricoverato per le ferite riportate nel corso del conflitto a fuoco".

Così, il Segretario Generale del Siulp Felice Romano, che esprime la vicinanza di tutto il Siulp, che condivide appieno le riflessioni della segreteria di Capitanata, che si trova a confrontarsi con un fatto drammatico, che oltre a mietere l’ennesima vittima tra i servitori dello Stato, impone una seria riflessione sul perché piccoli malviventi, con troppa facilità, sparano sugli uomini in divisa. Tra le ragioni, conviene il sindacato, vi è sicuramente la certezza della totale impunità. "Sono anni - sottolinea Romano - che invochiamo interventi legislativi che rendano l’azione dello Stato, e quindi le pene ad esse collegate, certe e immediate".

"Purtroppo così non è stato; Vicenzo è solo l’ennesima vittima di quella lunga lista di servitori dello Stato che non hanno esitato a compiere l’estremo sacrificio in nome della legalità e per la difesa della sicurezza dei cittadini e del Paese. Ecco perché - conclude Romano - oltre ad un segnale serio e concreto di nuovi interventi nella Capitanata finalizzati a combattere la, purtroppo, diffusa illegalità che si registra in quel territorio, occorre oggi una risposta legislativa e giuridica per dare strumenti concreti alle donne e agli uomini in uniforme per evitare che quanto accaduto a Vincenzo questa mattina non si ripeta più".

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La piccola Alice non ce l'ha fatta: è morta la bimba di 6 mesi in vacanza con i genitori sul Gargano

  • Scossa di terremoto a Foggia e sul Gargano

  • Risucchiata dalle correnti bambina sprofonda giù, fratellino tenta di salvarla ma rischia di annegare. "Salvi per miracolo"

  • Incidente mortale: 20enne perde la vita in un terribile scontro frontale, nove persone ferite

  • Angelo non ce l'ha fatta: si è spento a 26 anni "un ragazzo fantastico". Due anni fa l'incontro con l'idolo Pippo Inzaghi

  • Attimi di terrore a Vieste: bimba di 6 mesi rischia di morire soffocata, sanitari le salvano la vita

Torna su
FoggiaToday è in caricamento