"Vino in veritas", l'operazione dei Forestali stana i 'furbetti' vino: sequestrati 8mila litri

Nel complesso, sequestrati 8000 litri di prodotto alimentare a base di succo d’uva privi di cartello per la rintracciabilità del prodotto. Accertate anche violazioni amministrative per complessivi 3.000 euro

Immagine di repertorio

Accertamenti a largo raggio, degli uomini del Comando provinciale del Corpo Forestale dello Stato di Foggia (diretti dal Nucleo Agroalimentare Forestale Roma) negli stabilimenti vitivinicoli pugliesi. Lo scopo dell'attività: verificare la corretta rintracciabilità del vino in tutte le fasi della lavorazione e commercializzazione nonché riscontrare la corrispondenza tra il  prodotto presente negli stabilimenti e il prodotto registrato.

L’operazione, denominata “Vino in veritas”, è stata condotta con un duplice obiettivo: garantire la genuinità dei prodotti vitivinicoli particolarmente apprezzati sul mercato nazionale e tutelato dalla Denominazioni di qualità (DOC-IGP) e salvaguardare nel contempo gli interessi e la salute dei consumatori. I controlli svolti nel mese di dicembre hanno interessato 8 stabilimenti vitivinicoli.

Nel complesso, sono stati sequestrati 8 serbatoi di prodotto alimentare a base di succo d’uva per un totale di 8000 litri in quanto privi di cartello identificativo e delle indicazioni atte a garantire la rintracciabilità del prodotto. Inoltre sono stati declassati 37.640 litri da “Vino IGT Salento Rosso” a Vino Rosso convenzionale per la perdita dei requisiti chimico fisici e/o organolettici.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Infine sono state accertate 2 violazioni amministrative riguardanti la corretta identificazione delle partite sui serbatoi e la mancata annotazione, nei tempi previsti, di operazioni di cantina per una totale di 3.000 €. Questa ennesima ed importante operazione rimarca il ruolo che il Corpo Forestale dello Stato quotidianamente assolve per la tutela del consumatore e dei marchi a denominazione protetta. Quello della sicurezza alimentare è infatti un tema decisamente sentito dai consumatori e dall’opinione pubblica che, sempre più, chiedono maggiore tutela e trasparenza.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Terribile incidente sulla Statale 16: tir si ribalta a pochi chilometri da Foggia, un morto e un ferito

  • Coronavirus, piccola impennata di contagi nel Foggiano: 10 nuovi casi. Calano i positivi in Puglia

  • Si torna a ballare in Puglia: verso la riapertura di club e discoteche all'aperto

  • Covid: nove dei 10 contagi sono del focolaio di Torremaggiore. Tre ricoverati e 83 persone in quarantena

  • Il gruppo Amadori vende azienda del Foggiano per 30 milioni. I nuovi proprietari sono le 'Fattorie Garofalo' di Capua

  • Coronavirus in Capitanata: positivo intero nucleo familiare. Piazzolla: "Tracciata catena dei contatti. Situazione sotto controllo"

Torna su
FoggiaToday è in caricamento