I carabinieri scoprono piante di cannabis indica nascoste tra gli alberi: avrebbero fruttato 400mila euro

Le piante di cannabis indica, dell'altezza media di un metro e mezzo e già ricchissime di infiorescenze, sono state scovate in località Dragonara, all’interno di un terreno della superficie di circa 2500 mq

Una piantagione di circa 200 arbusti di cannabis indica è stata rinvenuta dai Carabinieri del Comando Compagni di Lucera e dal Gruppo Forestale di Foggia, nel territorio di Castelnuovo della Daunia. 

Il ritrovamento è giunto al termine di numerosi servizi di osservazione svolti congiuntamente dai due Comandi, che hanno visto il dispiegamento sul campo dei militari delle Stazioni di Castelnuovo della Daunia e Casalnuovo Monterotaro e della Stazione Forestale di Pietramontecorvino, e che si sono protratti per alcuni giorni. Non è stato infatti facile localizzare la piantagione, che era stata realizzata all’interno di un’impervia area demaniale, di difficile accesso.

Le piante di cannabis indica, dell'altezza media di un metro e mezzo e già ricchissime di infiorescenze, sono state scovate in località Dragonara, all’interno di un terreno della superficie di circa 2500 mq, interamente circondato da alberi ad alto fusto e munito di un impianto di irrigazione realizzato mediante un sistema di pescaggio acque che attingeva direttamente all’alveo del vicino fiume Fortore.

Gli uomini dell’Arma hanno così provveduto a sottoporre a sequestro il sistema di irrigazione, nonché ad estirpare e distruggere le piante, mentre una parte è stata campionata per essere inviata al Laboratorio Analisi Sostanze Stupefacenti di Foggia per essere sottoposta ad analisi quantitative. Lo stupefacente, immesso sul mercato, stando alle tabelle ministeriali avrebbe potuto fruttare oltre 400.000 euro.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidente mortale nel Foggiano: marito e moglie perdono la vita in un terribile impatto sulla Sp 141

  • Macabra scoperta nel Foggiano: recuperato un corpo carbonizzato dentro un'auto, vittima di un incidente stradale

  • Arrestati Angelo e Napoleone Cera: sono accusati di concussione

  • Coro ai diffidati e 'Quarta Mafia', Pio e Amedeo sbottano: "Ci siamo rotti le palle della facilità di giudizio sulla nostra terra"

  • Ha una crisi e distrugge casa, sedato e portato in ospedale muore poco dopo: è giallo sulle cause del decesso

  • Maxi furto nel caveau dell'Unicredit a Foggia: svaligiate 300 cassette di sicurezze ma non ci sarà nessun colpevole

Torna su
FoggiaToday è in caricamento