Blitz negli stabilimenti oleari del Foggiano: sequestrati oltre 700 litri d’olio e 135 kg di olive scadute

Sono emerse diverse irregolarità in merito alla rintracciabilità dell’olio nelle fasi della lavorazione e della commercializzazione

I carabinieri durante i controlli

I militari del NIPAAF congiuntamente alle stazioni Carabinieri Forestale di Serracapriola e Orsara di Puglia, nell’ambito preordinato dal Gruppo CC Forestale di Foggia per controlli agroalimentari nel settore oleario in provincia di Foggia, hanno effettuato i primi controlli di conformità con un duplice obbiettivo: garantire la genuinità del prodotto particolarmente apprezzato sul mercato nazionale e tutelato dalla Denominazione Origine Protetta (D.O.P.) e salvaguardare nel contempo gli interessi e la salute dei consumatori.

Gli uomini del Comando Gruppo Carabinieri Forestale di Foggia stanno quindi effettuando una serie di accertamenti negli stabilimenti oleari presenti in Capitanata allo scopo di verificare la corretta rintracciabilità dell’olio in tutte le fasi della lavorazione e commercializzazione nonché verificare la corrispondenza tra il prodotto presente negli stabilimenti e il prodotto registrato nel sistema informativo del SIAN.

A seguito di questa prima settimana di controlli sono emerse diverse irregolarità, nel merito sono state sottoposte a sequestro 135 kg di olive verdi in salamoia detenute per la vendita con la data di scadenza superata; sono stati sequestrati 100 litri di olio extra vergine di oliva confezionato, privo di idonea tracciabilità; sono stati deferiti alla competente Autorità giudiziaria due soggetti di nazionalità bulgara intenti a rubare 150 kg di olive direttamente in campo e sequestrati i mezzi di prova (compressore e battitore con reti per la raccolta) utilizzatati dai due avventori; infine sono stati sequestrati due serbatoi contenenti 620 litri di olio di oliva da classificare, del tutto privi di idoneo sistema di tracciabilità. Sono state contestate sanzioni amministrative per un importo complessivo di 7mila euro. I prodotti sequestrati ammontano a 8mila euro. L’attività di controllo continuerà nei prossimi giorni.

Potrebbe interessarti

  • Il fascino di Càlena, l'abbazia sul Gargano dove si narra vi sia custodito il tesoro di Barbarossa

  • La grotta di San Michele che si specchia sul lago di Varano, un luogo suggestivo che trasmette una sensazione di pace

  • Colon irritabile: cos'è, sintomi e possibili cause

  • Arredare casa: le 5 piante da interno che non hanno bisogno di luce

I più letti della settimana

  • Francesco Ginese non ce l'ha fatta: è morto a Roma

  • Tragedia nelle acque del Gargano: bagnante muore annegato

  • Tragedia alle porte di Foggia, violento impatto tra un furgone e una moto: c'è una vittima

  • Tragedia nel Foggiano: morta 11enne, genitori ricoverati in gravi condizioni a San Giovanni Rotondo

  • Tutta Foggia è con Francesco, che lotta tra la vita e la morte: si è reciso l'arteria femorale mentre scavalcava un cancello

  • Foggia in lacrime per la tragica morte di Francesco: "Addio amico mio, non doveva finire così!"

Torna su
FoggiaToday è in caricamento