Sostanze dopanti e farmaci per cani: il lato oscuro dei body-builder di Capitanata

Oltre 1500 farmaci dopanti sono stati sequestrati da polizia e guardia di finanza, che hanno proceduto all'arresto di un calabrese di 43 anni e alla denuncia di sei persone, tra atleti assuntori e titolari di palestre

La conferenza stampa (Foto D'Agostino)

Oltre 1500 confezioni di farmaci e sostanze dopanti e anabolizzanti, tra cui anche medicinali per cani: è quanto sequestrato da polizia e Guardia di Finanza, tra Foggia e Cosenza, nell’ambito delle indagini scaturite dopo la morte di un body-builder foggiano, morto dopo essersi iniettato anabolizzante in una gamba. Si continuano a setacciare palestre e abitazioni di preparatori atletici e body-builder, per ricostruire la “filiera” del traffico di sostanze dopanti e anabolizzanti utilizzate in questo segmento sportivo.

Un mercato sommerso venuto prepotentemente a galla lo scorso aprile, con la morte del body-builder foggiano Gianni Racano ed il ricovero d’urgenza di un altro atleta per complicanze dovute all’assunzione di sostanze dopanti. Dopo i primi controlli, gli agenti della squadra mobile di Foggia e gli uomini delle fiamme gialle hanno eseguito ulteriori tredici perquisizioni in abitazioni e palestre frequentate da vari body builder della provincia di Foggia, scoprendo contatti anche con la provincia di Cosenza.

I controlli hanno portato al sequestro di oltre 1500 medicinali contenenti principi attivi dopanti (tra compresse, fiale, boccette e bustine), 69 documenti attestanti la commercializzazione illecita di medicinali dopanti, 97 siringhe, telefoni cellulari e pc. Tra i farmaci, vi erano anche medicinali per uso veterinario i cui principi attivi venivano sfruttati per migliorare le prestazioni fisiche e “gonfiare” i muscoli. Oltre al mercato del web, dunque, la vendita di questi prodotti passava anche attraverso l’asse Calabri-Puglia.

Per il fatto, la polizia ha arrestato Vincenzo Dattoli, 43enne di Cassano Ionio, titolare di due palestre in Calabria, nelle quali è stato trovato gran parte del materiale sequestrato (il resto nelle palestre di Manfredonia e Cerignola), e ha denunciato altre sei persone. Di queste, tre - i titolari di due palestre di Manfredonia e Cerignola e un atleta foggiano - sono state denunciate per commercializzazione di sostanze dopanti, altre tre sono state denunciate in quanto consumatori.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (1)

  • ....continuate cosi che il detto "può succedere anche a me" prima o poi avviene..
    .il decesso di Gianni nn è servito co. e lezione

Notizie di oggi

  • Politica

    Caos playout, il Comune sostiene il Foggia calcio e chiama in causa i legali

  • Cronaca

    Portano via un cane con la forza, volontaria aggredita e minacciata: "Sgozzo te e la Melfitani, poi incendio il locale"

  • Cronaca

    Vandali imbrattano le fioriere del centro di Foggia. L'ira di Landella: "Balordi che si credono artisti"

  • Cronaca

    Prima notte di nozze turbolenta tra Macari e Kragl, litigano e arriva la polizia. Poi il bacio: "Non abbiamo sfondato la stanza"

I più letti della settimana

  • Arrestati i 'fannulloni' dell'ospedale di San Severo: c'è anche un primario, andavano al bar o al mare invece di lavorare

  • Furbetti e assenteisti, arrestati noto primario e dipendenti. La Asl di Foggia: "Sarà dato corso ai licenziamenti"

  • Violenza inaudita a Stornara: aggredisce ragazza a morsi, le stacca parte del labbro e le procura gravi lesioni al volto

  • Assenteismo, blitz nelle strutture dell'Asl: otto arresti della guardia di finanza, sospeso un dirigente

  • Vasta operazione anticrimine dei carabinieri su San Severo: alba di perquisizioni e sequestri

  • Scandalo in ospedale, assenze non giustificate e "forzature" del sistema informatico: ecco i motivi dell'arresto di Pennacchia

Torna su
FoggiaToday è in caricamento