Riversava liquame giallastro e maleodorante nelle condotte pubbliche: sequestrato mezzo, è della ditta dei rifiuti di Peschici

I militari delle Stazioni CC Parco di Umbra e Peschici hanno sequestrato il mezzo a Peschici. La condotta illegale aveva provocato allarme sociale tra i residenti e vacanzieri del posto

Il compattatore sequestrato

Continua senza sosta l’attività del Reparto Carabinieri Parco di Monte Sant'Angelo al fine di prevenire e reprimere i reati in danno all’ambiente all’interno delle delicate aree del Parco Nazionale del Gargano, con particolare riguardo sulle tematiche inerenti la raccolta e la gestione dei rifiuti nel territorio turistico di Peschici.

I militari delle Stazioni CC Parco di Umbra e Peschici unitamente a pattuglie di rinforzo proveniente da altre regioni sorprendevano all’interno di un’area pubblica in agro di Peschici un veicolo compattatore adibito alla raccolta dei rifiuti urbani con abbondante fuoriuscita di liquame giallastro e maleodorante che si riversava nelle condotte pubbliche per la raccolta delle acque piovane.

Accertato il reato di abbandono di rifiuti liquidi sul suolo, i militari procedevano a sequestrare il veicolo della ditta che gestisce la raccolta rifiuti a Peschici e a denunciare all’Autorità Giudiziaria il responsabile legale della medesima azienda.

I militari verificavano la non idoneità del veicolo sequestrato alla raccolta dei rifiuti urbani in quanto non a tenuta stagna, provocando fuoriuscita di rifiuti liquidi e notevole allarme sociale tra i residenti e vacanzieri del posto, il mezzo all’accertamento risultava anche privo di revisione al Codice della Strada.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ultima ora: primo caso di Coronavirus in Puglia

  • Terribile incidente nel Foggiano: morto 42enne. Dopo il violento impatto, l'auto si è ribaltata ed è finita fuori strada

  • In Puglia 5 casi con sintomi sovrapponibili a quelli del Coronavirus: chi rientra a casa dalle zone rosse deve comunicarlo

  • Tampone su un paziente, si attendono i risultati: quarantena provvisoria per i sanitari entrati in contatto col soggetto

  • Violenti scontri nel Foggiano: tafferugli tra baresi e leccesi sulla A16, incendiato un veicolo

  • Tentato omicidio davanti a un bar, estrae pistola e apre il fuoco per un debito di droga: fermato pregiudicato

Torna su
FoggiaToday è in caricamento