L'affare sporco del bianchetto non va in porto: la guardia costiera intercetta e sequestra carico

Due messinesi sono stati bloccati in provincia di Foggia con 400 chili di bianchetto

Il carico di bianchetto sequestrato

Nell’ambito di un operazione finalizzata al contrasto della commercializzazione di prodotti ittici illegali, personale del Nucleo Ispettivo della Guardia Costiera del 6° Centro di Controllo Area Pesca della Direzione Marittima di Bari, ha intercettato in Capitanata un carico di bianchetto (novellame di sarda e alice), di cui è vietata la pesca, la detenzione, il trasporto, la commercializzazione e la somministrazione.   Complessivamente, sono stati sequestrati oltre 400 chili di ‘Bianchetto’, per un valore commerciale stimato di circa 6mila euro.

Ai due soggetti entrambi di Messina, che si trovavano a bordo del veicolo, risultato tra l’altro non idoneo al trasporto di generi alimentari freschi facilmente deperibili, sono state comminate sanzioni pecuniarie pari a 25mila euro e segnalati all’Autorità Giudiziaria per il reato di trasporto di alimenti in cattivo stato di conservazione e ricettazione. Il pesce è stato sequestrato poiché non idoneo al consumo umano per carenze igienico sanitarie e perché privo di documenti attestanti la tracciabilità, è stato distrutto. 

Occorre evidenziare che la pesca del bianchetto è stata bandita dalla Comunità Europea  perché considerata dannosa per la fauna marina in quanto incide negativamente sul ripopolamento dei nostri mari e che l’ingente quantitativo costituisce un grave danno all’habitat marino in generale ed alla stessa attività di pesca regolare, quando gli esemplari giovanili sarebbero diventati adulti e con taglia idonea ad essere pescato.

Il trasporto su mezzi non idonei ha peraltro rischiato di arrecare di conseguenza un grave danno alla salute dei consumatori, perché dal momento della cattura a quella della commercializzazione, il prodotto era destinato fuori regione, è stata interrotta la catena del freddo.

L’attività di repressione da parte degli uomini del Nucleo Ispettivo della Guardia Costiera contro gli illeciti in materia di pesca e commercializzazione illegale di prodotti ittici sottomisura proseguirà incessante anche nei prossimi giorni in tutta la Puglia, allo scopo di garantire il rispetto delle leggi e tutelare la salute degli inconsapevoli consumatori.

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (1)

  • E niente meno, da Messina lo portavano a Manfredonia ? C'è lì sempre quello locale fresco!

Notizie di oggi

  • Economia

    Inaugurato il primo Centro Territoriale per l'Autismo nel Foggiano: è dedicato ad Alberto Lepore

  • Cronaca

    Shock ad Apricena: una busta contente un proiettile arriva al sindaco, Antonio Potenza

  • Politica

    Dopo 'Le Iene', esplode il caso Giardinetto. M5S: “Inaccettabile che Emiliano dica di non saperne nulla”

  • Politica

    Fallimento Baia dei Faraglioni: “Fare chiarezza su assegnazione locazione della struttura”

I più letti della settimana

  • Forte scossa di terremoto in provincia di Foggia: l'epicentro sul Gargano

  • Incidente in moto a Mattinata: muore Luigi Pompa, portiere dell'Ascoli Satriano

  • Incidente mortale a Manfredonia: coniugi travolti e uccisi all’uscita dell’abbazia San Leonardo

  • Auto si scontrano alle porte di San Severo: nell’incidente muore un apricenese

  • Il calcio di provincia è in lutto: giovane portiere perde la vita in un terribile incidente

  • Con pistole e fucile "assaltano" tabaccheria: in tre fuggono con incasso e sigarette

Torna su
FoggiaToday è in caricamento