Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Accumula tesoro da 4 milioni di beni grazie a una galassia di prestanomi: 27 indagati, scacco matto della Dia a 'Saracino'

L'operazione della Dia all'alba di oggi, a Cerignola. Il procuratore Vaccaro: "Il crimine non può e non deve rendere. Per questo, seguiremo e tracceremo i percorsi dei proventi illeciti, prima o poi arriveremo e sequestreremo tutto"

 

Sequestrato il ‘tesoro’ di Pasquale Saracino, 46enne pluripregiudicato di Cerignola, già sottoposto alla misura di prevenzione della sorveglianza speciale e contiguo ad esponenti dei clan ‘Cartagena’ e ‘Piarulli-Ferraro’ in passato attivi nella provincia foggiana.

All’alba di oggi, la direzione investigativa antimafia ha eseguito un sequestro di beni per complessivi 4 milioni di euro, riconducibili all’uomo per il tramite di una “galassia di prestanome” con investimenti 'a cascata' in differenti attività economiche. Nel dettaglio, i sequestri sono stati eseguiti nei confronti di 14 persone, mentre risultano complessivamente indagati per estorsione, riciclaggio, impiego di denaro, beni o utilità di provenienza illecita, autoriciclaggio, trasferimento fraudolento di valori, estorsione, turbata libertà degli incanti, falsità materiale e violazione della normativa tributaria, 27 soggetti.

“Togliere il provento delle attività illecite è efficace tanto quanto le misure cautelari”, spiega il procuratore capo di Foggia, Ludovico Vaccaro. “Il crimine non può e non deve rendere. Per questo, seguiremo e tracceremo i percorsi dei proventi illeciti, prima o poi arriveremo e sequestreremo tutto. Il crimine non deve essere strumento per arricchirsi”, concludeL’operazione ha visto in campo un centinaio di uomini e donne della Dia di Bari, di Foggia e di Lecce, coadiuvati da personale dell’Arma dei carabinieri, della guardia di finanza e della questura di Foggia, impiegati nelle attività di perquisizione e sequestro. 

Le investigazioni economico-patrimoniali svolte dalla Dia hanno permesso di dimostrare come Saracino, pur risultando nullatenente, sia riuscito nel corso degli anni ad accumulare un consistente patrimonio illecito, intestando beni e rapporti bancari a prestanome (tra cui anche suoi stretti familiari come la moglie, il figlio, la sorella ed il cognato). Il provvedimento ha riguardato un’azienda agricola di 28 ettari a Cerignola, del valore complessivo di 1 milione di euro, un’azienda commerciale di alimenti e bevande all’ingrosso, per un valore di oltre 500mila euro, un parcheggio attrezzato per autoveicoli industriali, del valore di oltre 1 milione di euro e due appartamenti ed un locale commerciale a Cerignola, per un valore complessivo di 600mila euro.

Ancora, un’imbarcazione da diporto cabinata e una moto d’acqua, per un valore commerciale di oltre 160mila euro, quote societarie e rapporti bancari per oltre 200mila euro e 13 autovetture di varia cilindrata. Inoltre, in un’area agricola appartenente ad un indagato, è stato rinvenuto, interrato nei campi, un grande contenitore in plastica con numerose centraline per automezzi da utilizzare per i furti e 10 cartucce per fucili illegalmente detenute, nonché 50.000 euro di denaro contante.

Potrebbe Interessarti

Torna su
FoggiaToday è in caricamento