La scuola San Lorenzo ancora al freddo: lunedì in aula con cappotti e stufe. La dirigente: "Arrabbiatissima"

Nessuna novità per il plesso di via Achille Grandi: l'intero piano terra continua a scontare problemi di malfunzionamento degli impianti. L'assessore Bove: "Pronti a bandire la gara". Domani montaggio in extremis di condizionatori

Lunedì riapriranno le scuole e per far fronte alle basse temperature di questi giorni il sindaco di Foggia ha emesso un’ordinanza sindacale con la quale si dispone che già dalla giornata di oggi i riscaldamenti debbano essere accesi negli istituti comunali. Questo per accogliere la popolazione studentesca in un clima quanto più possibile confortevole.

Non sarà così però alla Scuola elementare San Lorenzo, quartiere Cep, alle prese con un datato problema di malfunzionamento degli impianti: l’intero piano terra - ci conferma la dirigente scolastica, Mirella Coli- è al freddo, e questo nonostante le rassicurazioni dell’assessorato ai Lavori Pubblici che, nell’ultimo anno, avrebbe garantito l’eliminazione del disservizio nel volgere di breve tempo. Ma nulla si è ancora mosso, pare. “Neanche il sopralluogo promesso in questo intervallo natalizio è stato fatto” denuncia la Coli, che si dice “arrabbiatissima”. “Ho scritto decine di pec all’amministrazione comunale, mai una risposta ufficiale” denuncia.

La vicenda è salita alle cronache locali grazie all’intervento di Italia in Comune e, pertanto, dei consiglieri Marcello Sciagura e Vincenzo Rizzi, che lunedì 7 gennaio torneranno davanti al plesso per l’ennesima conferenza stampa.

“L’intero piano terra è al freddo, ci siamo organizzati con delle stufe” afferma rassegnata la dirigente. Funziona solo il primo piano ma lì insistono dei laboratori inadatti ad ospitare lezioni di altro genere, quindi inutilizzabili. “Per non parlare della scuola dell’infanzia” continua Mirella Coli, “dove andiamo avanti con dei condizionatori malandati” e dove, è di tutta evidenza, il tepore è circoscritto al perimetro dell’aula: al gelo bagni, androne e corridoi.

Per smuovere coscienze e amministrazione si è formato anche un comitato di mamme. Note le azioni di protesta dei mesi scorsi.

Contattato da Foggiatoday, l’assessore ai Lavori Pubblici Antonio Bove ci conferma la permanenza del disservizio. “Ma siamo pronti ad iniziare i lavori” annuncia oggi su queste colonne. “Purtroppo abbiamo avuto bisogno di un lasso di tempo maggiore perché il danno non è di poco conto ma va rifatto l’intero impianto al piano terra”. Spesa preventivata: qualcosa intorno ai 150mila euro, coperture che ci sarebbero, fa sapere Bove. “Nel giro di pochi giorni bandiremo la gara, tempo due mesi e tutto sarà risolto”.

Queste le rassicurazioni odierne. Circa duecento gli alunni del plesso, tra scuola primaria e dell'infanzia. 

Dopo l'articolo di Foggiatoday, intanto, l'assessorato alla Pubblica Istruzione avrebbe contattato la dirigente per garantire il montaggio domani, domenica, in extremis, di alcuni condizionatori. Almeno questo, se non altro.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Maxi evasione fiscale da 30 milioni di euro: scoperto e arrestato imprenditore a Cerignola

  • Cronaca

    Truffe su truffe agli anziani di Foggia, ma non fanno i conti con la polizia: arrestati pregiudicati

  • Cronaca

    Bambina di 2 anni in pericolo di vita, trasportata d'urgenza da Foggia a Firenze da un Falcon 50

  • Regione Puglia

    Assegni di cura, da febbraio al via le liquidazioni: 35 milioni dalla Regione Puglia per 3240 utenti

I più letti della settimana

  • Omicidio a Trinitapoli: ucciso noto pregiudicato di un clan, gravemente ferito un 49enne

  • Scomparso nel nulla da 72 ore, Foggia in ansia per Francesco. La madre: "Non so più cosa fare"

  • Ucciso De Rosa, elemento di spicco della mala di Trinitapoli e del Basso Tavoliere arrestato nel blitz Babele

  • Ritrovato Francesco Pio Tomaiuolo, il 15enne foggiano allontanatosi da casa lunedì scorso

  • Violenta rapina in strada: vittima presa a bastonate, pugni e calci per 5 euro. "Ti diamo fuoco"

  • Vanno a riscuotere il pizzo ma trovano la polizia: 5mila euro e 500 al mese, così taglieggiavano imprenditori dell'Artigiani

Torna su
FoggiaToday è in caricamento