Scuola Parisi al freddo, l'istituto chiude in anticipo: "fino a data da destinarsi". Monta la protesta delle famiglie

Il freddo incombe e in un istituto che dall’anno scorso fa i conti con un grave disservizio ai riscaldamenti non è possibile starci. Il dirigente Alfonso Rago non avrebbe altra soluzione: tutti a casa. Fino a quando non si sa

Da oggi la scuola Parisi, a Foggia, chiude i battenti alle 11.30. Fino a data da destinarsi, è stato detto ai genitori, costretti ad andare a prendere i propri figli anticipatamente. Il freddo incombe ed in un istituto che dall’anno scorso fa i conti con un grave disservizio ai riscaldamenti non è possibile starci. Circa 800 gli alunni della scuola. Una popolazione studentesca enorme, difficilmente smistabile su altre sedi. Il dirigente Alfonso Rago non avrebbe altra soluzione: tutti a casa. Fino a quando non si sa. Ed è un problema per quei genitori che lavorano, ancor più se si considera che l’Istituto ha una fascia pomeridiana di lavoro destinata a progetti pon e corsi vari, che oggi sono preclusi agli studenti e che mettono ancor più in crisi quelle famiglie che sull’orario pomeridiano facevano affidamento per lavorare.

Difficile oggi parlare col dirigente scolastico (non sarebbe in sede, ci comunicano dalla scuola); la conversazione con un collaboratore del preside si riduce a poche battute: “Il comune ci ha detto che interverranno”. L’assessore Antonio Bove, come spesso accade, è irraggiungibile.

Un genitore ce la spiega così: “E’ dall’anno scorso che va avanti il disservizio, i riscaldamenti non funzionano, a scuola i ragazzi battono i denti. Intervenne una squadra comunale nei mesi scorsi ma non è riuscita a risolvere il problema, che evidentemente è più grave di quel che si pensava”. Fatto sta che la squadra scava nel sottosuolo, prende atto che il problema è irrisolvibile sul momento e “lascia tutto come sta: guardi la foto, guardi questo scavo a  latere dell’edificio”. Si era, tuttavia, sul finire dell’inverno, le temperature cominciavano ad essere più miti. L’attenzione sui riscaldamenti calò. Fino a ieri: il brusco calo delle temperature ha riproposto il problema, che evidentemente l’ente comunale deve aver dimenticato nel frattempo, risolvendosi a praticare un intervento tardivo di cui non si conoscono i tempi e i ragazzi a lasciare le lezioni con larghissimo anticipo, rinunciando a tutte le attività scolastiche pomeridiane. Con grave sofferenza delle famiglie.

La classica sciatteria amministrativa o c’è un altro motivo per cui si è permesso che trascorresse così tanto tempo per la risoluzione del problema?

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Troppi incidenti gravi e mortali, installati autovelox ma "balordi" ne incendiano uno: "Non è una pista di Formula uno"

  • Cronaca

    Colpo di scena sull'agguato al medico di via Vittime Civili, il 'pistolero' cambia versione: "Fu lui ad architettare tutto"

  • Economia

    Spesa pubblica, Foggia prima città del Sud nella classifica di 'Fondazione Etica': dietro Bari, maglia nera Lecce

  • Sport

    La boxe sorride ai Monti Dauni: il nuovo campione italiano dei Superleggeri è Arblin Kaba

I più letti della settimana

  • Incredibile in serie B, il Tar annulla la delibera del Consiglio direttivo. I playout si giocano, ma per il Foggia tutto dipende dal Palermo

  • Violenza inaudita a Foggia: in branco pretendono sesso di gruppo (due minorenni), trans si rifiuta e viene picchiato a sangue

  • Violenza inaudita a Stornara: aggredisce ragazza a morsi, le stacca parte del labbro e le procura gravi lesioni al volto

  • Tragedia nel Foggiano: va nel bosco per tagliare legna, si ferisce ad una coscia e muore dissanguato

  • Kalashnikov pronti all'uso e maschere di silicone: carabinieri sequestrano tutto e sventano un assalto armato

  • Terrore sul Gargano: camion precipita in una scarpata e prende fuoco

Torna su
FoggiaToday è in caricamento