Scommesse su partite di Lega Pro, la polizia di Catania arresta tre persone: c'è anche il difensore del Foggia Maccarrone

Il calciatore rossonero è tra le tre persone finite ai domiciliari nell'ambito di un'inchiesta della Procura distrettuale di Catania. I fatti risalirebbero alla scorsa stagione, quando Maccarrone vestiva la maglia del Bisceglie

C'è anche il difensore del Foggia Giordano Maccarrone tra le tre persone arrestate dalla polizia di Catania per frode in competizione sportiva, nell'ambito di un'inchiesta della Procura distrettuale. 

Le indagini, condotte dalla polizia postale, hanno consentito di fare luce su un sodalizio criminale dedito alla realizzazione di frodi in alcune gare di Lega Pro, dove Maccarrone militava lo scorso anno con la maglia del Bisceglie. 

Insieme a Maccarrone, sono finiti in manette anche il 39enne Andrea Leanza, titolare di un centro scommesse e Rosario Cavallaro, anche lui 39enne, dipendente di una ditta privata.

Arrivato questa estate a Foggia, Maccarrone ha disputato solo due spezzoni (26' nell'esordio contro il Fasano e un solo minuto nella gara con l'Agropoli) con la maglia rossonera a causa di ripetuti problemi fisici per i quali la sua avventura in rossonero era prossima alla conclusione. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Attimi di tensione al Grandapulia, migranti minacciano di "bloccare il Natale": cariche della polizia e lanci di pietre

  • Inseguimento da film nel Foggiano: fuga a folle velocità tra la nebbia per 40 km, volanti speronate e sul finale lo schianto

  • Presa la banda foggiana che assaltava i bancomat: tre colpi in 20 giorni, quattro arresti

  • Incidente stradale sulla Statale 89: auto perde il controllo e finisce contro un muro, a bordo tre persone

  • Assalto armato a un portavalori: paura e fuga, ritrovata la Jeep dei banditi e una targa clonata intestata a un'auto del Foggiano

  • Corsa contro il tempo per Domenico, il 37enne e padre di due bambini colpito da una rara malattia: "Aiutateci a salvarlo"

Torna su
FoggiaToday è in caricamento