"Clima di sospetto" sui posti in Sanitaservice: azienda segnala "preoccupanti affermazioni e denunce di condotte illecite"

Sanitaservice e Asl di Foggia fanno chiarezza sui tre avvisi pubblici per il reclutamento a tempo indeterminato del numeroso personale funzionale al completamento della pianta organica. 10mila domande pervenute

Sanitaservice Asl Fg ha inviato nei giorni scorsi una formale segnalazione al Procuratore della Repubblica, al Prefetto di Foggia, al Questore, al Comandante dei Carabinieri e al Comandante della Guardia di Finanza a seguito di una serie di episodi che stanno alimentando un clima di sospetto intorno ai tre avvisi di selezione pubblicati (uno a dicembre 2017 e due ad agosto 2018) per il reclutamento a tempo indeterminato del numeroso personale funzionale al completamento della Pianta organica.

Avvisi per i quali sono pervenute in totale 10mila domande. L'imminente tornata elettorale ha aggiunto ulteriori elementi di tensione su queste tre procedure selettive che, di contro, "si stanno espletando nella massima autonomia e terzietà, sia pur in un territorio come il nostro che, notoriamente, si caratterizza per la complessità del contesto economico e sociale. Un contesto degradato e, a volte, pericoloso nel quale le disuguaglianze sociali e il disagio lavorativo di intere generazioni hanno alimentato un diffuso senso di sfiducia nella Pubblica amministrazione"

Nella nota a mezzo stampa si legge: "Per questo, insieme alla Direzione generale della Asl Fg, Sanitaservice negli scorsi mesi ha già dovuto effettuare due segnalazioni alla Questura di Foggia a seguito di denunce “verbali” ricevute su presunte condotte illecite da parte di terzi soggetti e riconducibili alle attività di selezione in questione. Condotte che però mai sono state circostanziate o documentate. Sanitaservice, attraverso i propri legali, sta anche valutando preoccupanti affermazioni su Facebook postate da ex lavoratori in somministrazione. Frasi che lamentano pubblicamente la consumazione di presunti reati, atti illegittimi, condotte illecite che, come ovvio, si respingono fermamente in questa sede.

L'effetto contagioso dei Social Network permette a qualunque esternazione, anche infondata, di miscelarsi nel contesto sopra citato di disuguaglianze sociali e di disagio economico, fungendo a volte da detonatore a reazioni del tutto imprevedibili. Per questo i legali della Società sono stati già incaricati di valutare la sussistenza delle condizioni per agire giudizialmente.

Tuttavia, si è anche deciso di inviare una formale segnalazione agli organismi inquirenti e di controllo affinché gli stessi possano valutare le azioni utili a garantire la continuità nello svolgimento delle procedure di selezione di personale attivate da Sanitaservice nel clima sereno e di rispetto istituzionale che esse meritano. E ciò, non solo per fugare tutti i dubbi sulla sussistenza di eventuali comportamenti illeciti, ma soprattutto per tutelare la gran parte dei cittadini in cerca di occupazione che, in silenzio, aspettano da anni soltanto di avere un'opportunità di lavoro da giocarsi nell’ambito di regolari procedure selettive messe in atto nella massima trasparenza ed imparzialità" concludono Sanitaservice e Asl di Foggia.

Potrebbe interessarti

  • Come allontanare api, vespe e calabroni: alcuni rimedi naturali

  • Gli usi del bicarbonato di sodio che ancora non conosci

  • Come proteggere la casa dai ladri in estate

  • Le app beauty da avere sullo smartphone

I più letti della settimana

  • Tragedia sulla Statale 16, terribile scontro tra Lesina e San Severo: un morto e un 24enne trasportato in ospedale

  • Voleva togliersi la vita, Roberta lo ha salvato e poi il blackout: così Francesco l'ha uccisa a mani nude

  • Ultim'ora | Vento forte, grandine e fulmini sul Gargano: il maltempo minaccia l'estate in Capitanata

  • San Severo sotto shock piange Roberta Perillo: "È in un altro mondo, dove esiste amore autentico"

  • Ultim'ora | Omicidio a San Severo, giallo in via Rodi: uccisa una donna

  • "Non l'ho uccisa perché voleva lasciarmi", ma Roberta non c'è più. La denuncia sui social: "Le amiche sapevano, nessuno l'ha ascoltata"

Torna su
FoggiaToday è in caricamento