Samara, è psicosi un po' ovunque. Il sindaco di Apricena: "Ora basta, gioco di pessimo gusto"

L'ingegnere-sindaco si rivolge ai genitori, chiedendo di rasserenare i propri figli e invita chiunque a denunciare immediatamente ai carabinieri di Apricena oppure ai Vigili Urbani

Il fenomeno Samara Challenge, il travestimento da bambina horror di The Ring, sta suscitando polemiche e reazioni anche in provincia di Foggia. Si registrano aggressioni, ragazzi sotto shock, in fuga e in lacrime, finanche risse e litigi da Foggia a Cerignola, passando anche per San Severo ed Apricena. 

Ed è proprio il primo cittadino della città del marmo e della pietra, Antonio Potenza, ad attivarsi per tentare di risolvere la psicosi. Già dalle prime ore di questa mattina, Potenza è in contatto con i carabinieri e i vigili urbani: "Si tratta di un gioco di pessimo gusto e di cui chi si rende artefice dovrebbe solo vergognarsi" aggiunge.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

L'ingegnere-sindaco si rivolge ai genitori, chiedendo di rasserenare i propri figli e invita chiunque a denunciare immediatamente ai carabinieri di Apricena oppure ai Vigili Urbani, "affinché si possa mettere fine a questo brutto fenomeno" conclude

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Emergenza Coronavirus: è pandemia mondiale, scopriamo i sintomi e come proteggersi

  • Taglio e piega a domicilio, nonostante il Coronavirus: sorpresa e denunciata parrucchiera abusiva

  • "Venite c'è un'autovettura rubata". Polizia si precipita in via Lucera: non era rubata ma dentro c'era della cocaina

  • Coronavirus, giovane foggiano trasferito d'urgenza a Bari: in gravi condizioni si è reso necessario l'impiego di Ecmo

  • Coronavirus: se un defunto muore in casa nessuna vestizione (indipendentemente dalla causa del decesso)

  • Il Coronavirus non si ferma ma galoppa: 41 nuovi contagi nel Foggiano e 13 morti in Puglia

Torna su
FoggiaToday è in caricamento