Caramella in gola, bambino rischia di soffocare: sottufficiale di Foggia interviene e gli salva la vita

In una banca di Pordenone un bambino ha mangiato una caramella ma gli è andata di traverso: è stato salvato da Alberto Mario Laccetti, sottufficiale di Foggia della 'Brigata Ariete'

Alberto Mario Laccetti

Ha cominciato ad urlare perché il figlio non riusciva a respirare, a battere le mani dietro la schiena con la speranza che il bambino tirasse fuori la caramella che non era riuscito a masticare e quindi ad ingoiare. Ci ha provato senza riuscirsi, tra il panico generale e lo sguardo attonito dei presenti per la tragedia che si stava consumando.

Siamo a Pordenone ed è un venerdì mattina, una signora è all’interno della banca con il figlio e attende il suo turno. Quando però si reca allo sportello, il bambino – seduto alle sue spalle - afferra e scarta una caramella, non riesce però a masticarla e la ingoia. Purtroppo per lui, gli va di traverso, il respiro diventa sempre più complicato, i secondi passano e la situazione peggiora. L’intervento della madre non basta, anzi, forse peggiora le cose.

Per fortuna, in quella banca, un uomo si accorge che qualcosa non va, si avvicina alla donna visibilmente sotto shock, e capisce che la situazione le sta sfuggendo di mano. In maniera quasi istintiva, afferra il corpo del piccolo e applica la manovra di Heimlich. L’intervento risulterà decisivo.

Il bambino è fuori pericolo ma non crede ai suoi occhi, tant’è che continua a sostenere di avere ancora la caramella in gola. E’ solo una sensazione. Alberto Mario Laccetti, da sette anni sottufficiale del 32esimo reggimento Carri della ‘Brigata Ariete’, nato e vissuto a Foggia, lo tranquillizza: “Ehi va tutto bene, la caramella non c’è più”.

E’ tutto finito, il malcapitato beve un bicchiere d’acqua mentre la madre tira un sospiro di sollievo e abbraccia l’angelo venuto da Foggia. Prima di lasciare l’istituto di credito, si rivolge alla sua creatura: “Ringrazia quest’uomo perché ti ha salvato la vita”. Un’emozione forte, intensa, quella provata da Alberto Mario: “E’ stata una cosa istintiva, in quel momento sai che ti assumi una responsabilità forte”.

Quel bambino deve la vita al sottufficiale di Foggia, che con freddezza e prontezza di spirito, ha scongiurato una vera e propria tragedia. In quella banca c’era un eroe silenzioso, uno di quelli che ti auguri di incontrare e di incrociare quando qualcosa non va: si chiama Alberto Mario Laccetti, segni particolari, foggiano.

Potrebbe interessarti

  • Il fascino di Càlena, l'abbazia sul Gargano dove si narra vi sia custodito il tesoro di Barbarossa

  • La grotta di San Michele che si specchia sul lago di Varano, un luogo suggestivo che trasmette una sensazione di pace

  • Colon irritabile: cos'è, sintomi e possibili cause

  • Arredare casa: le 5 piante da interno che non hanno bisogno di luce

I più letti della settimana

  • Francesco Ginese non ce l'ha fatta: è morto a Roma

  • Tragedia nelle acque del Gargano: bagnante muore annegato

  • Tragedia alle porte di Foggia, violento impatto tra un furgone e una moto: c'è una vittima

  • Tutta Foggia è con Francesco, che lotta tra la vita e la morte: si è reciso l'arteria femorale mentre scavalcava un cancello

  • Foggia in lacrime per la tragica morte di Francesco: "Addio amico mio, non doveva finire così!"

  • Terribile incidente in moto, muore 38enne foggiano. "Ciao bomber, ora fai gol anche in Paradiso"

Torna su
FoggiaToday è in caricamento