Rignano Garganico, fa esplodere un grosso petardo e manda in frantumi i vetri di un’abitazione: denunciato

Il giovane è stato denunciato a piede libero e i 15 artifizi esplosivi appartenenti alla categoria 4, quindi illegalmente detenuti nella sua abitazione, sottoposti a sequestro

Gli artifizi esplosivi

Nella serata di martedì scorso i militari della Stazione Carabinieri di Rignano Garganico, a conclusione di una veloce ma accurata attività investigativa, hanno deferito in stato di libertà R.A., 21enne del luogo, resosi responsabile di danneggiamento e detenzione di artifizi esplosivi senza autorizzazione.

Alle 18 dello stesso giorno carabinieri erano intervenuti in via Carmine, dove era stato fatto esplodere un grosso petardo, la cui deflagrazione aveva provocato la rottura dei vetri di una abitazione al cui interno erano presenti due pensionati, che fortunatamente non avevano riportato lesioni, ma che, a causa dello scoppio, erano rimasti molto scossi. 

Le immediate indagini, dopo aver consentito di individuare l’autore della bravata in R.A., sono quindi proseguite con una perquisizione presso la sua abitazione, che ha consentito di rinvenire, nonostante fossero stati ben nascosti, 15 artifizi esplosivi appartenenti alla categoria 4, quindi illegalmente detenuti, e del tutto simili a quello fatto esplodere nel pomeriggio. Il giovane è quindi stato denunciato a piede libero e il materiale sottoposto a sequestro.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • VIDEO - Brumotti irrompe nel quartiere 'Fort Apache' di Cerignola: non solo droga, "qui si preparano gli assalti ai blindati"

  • Si sfiora la rissa in Chiesa, zuffa tra parrocchiani e neocatecumenali (che vogliono la corona misterica): "Giù le mani dal crocifisso"

  • Ultima ora - Arresti all'alba nel Foggiano: scoperti rifiuti interrati nel Parco del Gargano

  • Tragedia in strada: mezzo compattatore in retromarcia investe e uccide un passante

  • Come in un film, in tre tentano di assaltare negozio ma sulla scena irrompono i carabinieri: immobilizzati e ammanettati

  • Figlio va a trovare il padre (boss di Foggia), introduce droga e micro-cellulari nel carcere di massima sicurezza: arrestato

Torna su
FoggiaToday è in caricamento