La pasticceria "del Carmine" riapre. Tanti foggiani presenti al taglio del nastro

Riapre i battenti la celebre pasticceria di via Crispi, vittima di due esplosioni nell'aprile 2012 e nel novembre 2014. Alla cerimonia di inaugurazione è intervenuto anche il sindaco Landella: "E' questa la Foggia che ci piace"

Inaugurazione della nuova pasticceria (Ph. Roberto D'Agostino)

La pasticceria “del Carmine” riapre i battenti con una veste rinnovata, in barba a chi con metodi vili e ignobili ha cercato di rovinarne. I due attentati di cui fu vittima nell'aprile 2012 e nel novembre 2014 sono ancora vivi nei ricordi di tutti. 

Nella giornata di ieri la celebre pasticceria foggiana gestita da Giovanni Cannarile si è ripresentata, con una cerimonia di inaugurazione alla quale ha presenziato tra gli altri il sindaco Franco Landella: “Nonostante la prepotenza di qualche balordo, la pasticceria “del Carmine” si rinnova e continuerà ad addolcire i palati dei foggiani. Giovanni Cannarile e la sua splendida famiglia non hanno inteso abbassare la testa, si sono rialzati e vanno avanti. E’ questa la Foggia che ci piace”, ha dichiarato il primo cittadino. Un pensiero al quale si associano tutti i rappresentanti della parte sana di Foggia, quella che non demorde, quella che reagisce alla violenza.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Emergenza Coronavirus: è pandemia mondiale, scopriamo i sintomi e come proteggersi

  • Giornata drammatica, bollettino choc per la provincia di Foggia: nove morti e 52 casi positivi

  • Taglio e piega a domicilio, nonostante il Coronavirus: sorpresa e denunciata parrucchiera abusiva

  • Coronavirus, giovane foggiano trasferito d'urgenza a Bari: in gravi condizioni si è reso necessario l'impiego di Ecmo

  • "Venite c'è un'autovettura rubata". Polizia si precipita in via Lucera: non era rubata ma dentro c'era della cocaina

  • Coronavirus: se un defunto muore in casa nessuna vestizione (indipendentemente dalla causa del decesso)

Torna su
FoggiaToday è in caricamento