L'istituto Pacinotti di Bovino si difende: "Nessuno spaccio a scuola: menzogne"

La rettifica della professoressa Carla Ibelli che smentisce la notizia divulgata qualche giorno fa tin merito all'arresto di due giovani bovinesi per detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente

Immagine di repertorio

Bovino non c'entra nulla, me che meno l'istituto scolastico IPSIA “A. Pacinotti”. La professoressa Carla Ibelli, fiduciaria dell'istituto, sede coordinata di Bovino, mette i puntini sulle “i”. Precisa - e, di fatto, smentisce - la notizia divulgata qualche giorno fa tramite nota stampa dai carabinieri, in merito all’arresto di due giovani bovinesi per detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“La notizia riportata non risponde del tutto al vero. La sottoscritta intende precisare che l’arresto non è avvenuto a Bovino, ma nel comune di Deliceto dove risiedono i minorenni di cui trattasi. L’unica relazione con l’episodio in oggetto consiste nel fatto che tali minorenni sono alunni che frequentano il nostro istituto presso il quale non vi è stato nessun controllo o sopralluogo da parte delle forze dell’ordine né tantomeno si può sostenere che sia avvenuto uno spaccio presso la nostra scuola”. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Terribile incidente sulla Statale 16: tir si ribalta a pochi chilometri da Foggia, un morto e un ferito

  • Coronavirus, piccola impennata di contagi nel Foggiano: 10 nuovi casi. Calano i positivi in Puglia

  • Si torna a ballare in Puglia: verso la riapertura di club e discoteche all'aperto

  • Covid: nove dei 10 contagi sono del focolaio di Torremaggiore. Tre ricoverati e 83 persone in quarantena

  • Il gruppo Amadori vende azienda del Foggiano per 30 milioni. I nuovi proprietari sono le 'Fattorie Garofalo' di Capua

  • Coronavirus in Capitanata: positivo intero nucleo familiare. Piazzolla: "Tracciata catena dei contatti. Situazione sotto controllo"

Torna su
FoggiaToday è in caricamento