Migranti scendono in strada a Foggia: "La pista non si sgombera, lavoriamo e da qui non ce ne andiamo"

I migranti manifestano contro l'operazione 'Law and Humanity’ in corso da alcune settimane sulla 'Pista' del Cara. "Documenti primo passo necessario, senza di noi l'economia di questa provincia crollerebbe"

Sciopero migranti a Foggia

Al grido "Noi qui lavoriamo, la pista non si sgombera, da qui non ce ne andiamo", questa mattina un centinaio di migranti che vivono nelle baraccopoli di Borgo Mezzanone e in altri ghetti della provincia, stanno manifestando contro l'operazione 'Law and Humanity’ in corso da alcune settimane sulla 'Pista' del Cara.

Le immagini video dei migranti in corteo a Foggia

Lo sciopero organizzato da Campagne in Lotta, è partito dal pronao della villa comunale e attraverserà le vie del paese in direzione della Prefettura di Foggia: "Sono diversi mesi che nella baraccopoli di Borgo Mezzanone vediamo le ruspe e centinaia di uomini delle forze dell’ordine, venuti per distruggere le nostre case: la chiamano ‘Law and Humanity’, ma di umano questa operazione non ha proprio nulla. Ci trattano come animali, o nella migliore delle ipotesi come bambini stupidi. Dicono che è colpa nostra, che siamo criminali, che ci piace vivere nei ghetti, che non vogliamo accettare le proposte della Prefettura. Le istituzioni vogliono tenerci in questo stato di irregolarità, che fa comodo a chi ci sfrutta, per poi sgomberarci e lasciarci in mezzo ad una strada, per fare un favore ai politici che fanno campagna elettorale sulla nostra pelle, vantandosi di voler distruggere le nostre case qui a Borgo, come è già successo nel 2017 al Gran Ghetto e pochi mesi fa alla tendopoli di San Ferdinando. Le autorità sanno benissimo che darci i documenti è il primo passo necessario per svuotare i ghetti"

Se pensano che ci faremo incantare dai loro specchietti, hanno fatto male i conti. Sappiamo benissimo che senza di noi, l’economia di questa provincia, come di molte altre parti d’Italia, crollerebbe. È grazie a noi che le aziende agricole possono rimanere a galla anche davanti alle pratiche ricattatorie della grande distribuzione. Viviamo e lavoriamo in questo territorio, costretti ad accettare condizioni durissime, e meritiamo di essere trattati con rispetto – dalla polizia, negli uffici, per strada.Il nostro lavoro deve essere pagato il giusto, dobbiamo avere i documenti per essere liberi di muoverci, e chi trae profitto dal nostro lavoro deve garantirci il trasporto e l’alloggio! Fino a quando non avremo ottenuto risposte reali e soddisfacenti, non ci fermeremo.

Protesta migranti Foggia-2

Potrebbe interessarti

  • Proprietà e benefici dei lupini

  • Rimedi naturali per pulire la piastra del ferro da stiro

  • Le bracerie a Foggia: i posti giusti per gli amanti della carne

  • Cosa fare in caso di puntura da medusa?

I più letti della settimana

  • Cadavere carbonizzato sulla SP 66: le telecamere riprendono la vittima mentre riempie la tanica di benzina con cui si è data fuoco

  • Incidente mortale tra San Severo e Apricena, violento scontro tra auto e tir: purtroppo c'è una vittima

  • Il mare della Puglia è il terzo più bello d'Italia: quello di Vieste, Mattinata, Tremiti e Monte premiato con 4 vele

  • Tragedia nelle campagne del Foggiano: bracciante agricolo muore schiacciato da un trattore

  • Macabro ritrovamento lungo la Provinciale 66: auto in fiamme, dentro c'è un cadavere

  • Esplode silos in azienda cereagricola: paura ad Ascoli Satriano

Torna su
FoggiaToday è in caricamento