Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Non ce la facciamo più", in provincia i mercati non riaprono ancora. Il grido di aiuto degli ambulanti: "Non siamo invisibili"

Commercianti provenienti da Cerignola, Lucera, Orta Nova, San Severo e Torremaggiore hanno manifestato davanti alla Prefettura per sollecitare i comuni alle riaperture dei mercati rionali

 

Una protesta pacifica, questa mattina, in Prefettura, per sollecitare le amministrazioni comunali della provincia di Foggia a riaprire quanto prima i mercati. È il grido di dolore degli ambulanti, provenienti da Cerignola, Lucera, Orta Nova, San Severo e Torremaggiore, che dopo due mesi di chiusura forzata chiedono ai sindaci della provincia di Foggia di ritornare a lavorare.

Al momento, alcuni comuni hanno provveduto alla riapertura dei mercati (Apricena, San Severo e San Paolo di Civitate), a differenza dei mercati dei comuni del Gargano e di Lucera: "Non riusciamo a parlare con i sindaci di quei comuni", dichiarano i manifestanti, appartenenti alla Associazione Nazionale Ambulanti. Ma malgrado la disponibilità all'ascolto del Prefetto, la decisione di riaprire i mercati spetta alle Amministrazioni: "Le nostre famiglie sono allo stremo, vorremmo che i sindaci ci ascoltassero e non si chiudessero a riccio". 

Potrebbe Interessarti

Torna su
FoggiaToday è in caricamento