Prima il liquido infiammabile, poi le fiamme: brucia auto nei pressi di autosalone, atto intimidatorio?

E' successo ieri, l'auto è risultata essere di proprietà del titolare dell'autosalone. Sulla vicenda indaga la polizia, alla quale la vittima ha dichiarato di non aver mai ricevuto minacce o richieste estorsive

Immagine di repertorio

Forse un atto intimidatorio dietro il principio di incendio divampato ai danni di un'auto - un'Alfa Romeo - parcheggiata nel piazzale antistante la rivendita auto in via Cosmano, a Foggia.

Il fatto è successo ieri, l'auto è risultata essere di proprietà del titolare dell'autosalone stesso. Sulla vicenda sono in corso le indagini della polizia, alla quale la vittima ha dichiarato di non aver mai ricevuto minacce o richieste estorsive.

Secondo quanto ricostruito, ignoti hanno cosparso di liquido infiammabile l'auto e hanno appiccato il fuoco, che però è stato prontamente spento dai vigili del fuoco. Fondamentali per l'identificazione dei responsabili del gesto, saranno i filmati delle telecamere presenti in zona, che saranno acquisiti dalla polizia. 

Potrebbe interessarti

  • A spasso nel Gargano e quella torre che si affaccia sul mare cristallino tra i laghi di Lesina e Varano

  • Come allontanare api, vespe e calabroni: alcuni rimedi naturali

  • Gargano da amare: dai faraglioni di Mattinata al castello di Manfredonia, dalla Basilica di Siponto alla grotta di San Michele

  • Gli usi del bicarbonato di sodio che ancora non conosci

I più letti della settimana

  • Tragedia sulla Statale 16, terribile scontro tra Lesina e San Severo: un morto e un 24enne trasportato in ospedale

  • Voleva togliersi la vita, Roberta lo ha salvato e poi il blackout: così Francesco l'ha uccisa a mani nude

  • Ultim'ora | Vento forte, grandine e fulmini sul Gargano: il maltempo minaccia l'estate in Capitanata

  • San Severo sotto shock piange Roberta Perillo: "È in un altro mondo, dove esiste amore autentico"

  • Ultim'ora | Omicidio a San Severo, giallo in via Rodi: uccisa una donna

  • "Non l'ho uccisa perché voleva lasciarmi", ma Roberta non c'è più. La denuncia sui social: "Le amiche sapevano, nessuno l'ha ascoltata"

Torna su
FoggiaToday è in caricamento