Michele Pirro tra i visitatori del presepe vivente di Rignano Garganico

Sabato 29 dicembre le comparse del posto saranno affiancate dai figuranti del presepe vivente di Deliceto

Michele Pirro

Grande affluenza di pubblico nel primo appuntamento del  ‘Presepe Vivente di Rignano Garganico’. L’antico borgo medievale ha ospitato visitatori provenienti da tutta la provincia di Foggia, dalla Terra di Bari, dal Molise e anche dalla Campania.

La quindicesima edizione di uno degli eventi natalizi più attesi sul Gargano è stata inaugurata da un’ospite d’eccezione, Michele Pirro. Originario di San Giovanni Rotondo, ma con radici anche a Rignano Garganico, il motociclista della Ducati ha visitato le quindici botteghe di arti e mestieri della Rignano di fine ‘800, percorrendo le tortuose ma pittoresche vie del più piccolo paese del Parco Nazionale del Gargano.

Quello di Rignano è tra i presepi viventi più longevi in Puglia e nel Sud Italia, e i suoi quindici anni di attività dimostrano come sia possibile unire fede e tradizione all’offerta turistica e alla promozione del territorio. Sabato 29, dalle ore 16.00 alle 21.00, le comparse del posto saranno affiancate dai figuranti del presepe vivente di Deliceto, per consolidare il gemellaggio tra le due manifestazioni.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Strage a Orta Nova, triplice omicidio e suicidio: spara e uccide moglie e due figlie di 13 e 18 anni, poi si toglie la vita

  • Mazzi di fiori, lacrime e dolore per Teresa, Miriana e Valentina (il Comune penserà ai funerali): città incredula per l'insano gesto di Ciro

  • Incredibile al carcere di Foggia, detenuto telefona ai carabinieri dalla cella: "Siamo al ridicolo"

  • Bus frena per evitare auto, donna cade e muore: due persone a giudizio per omicidio stradale

  • "Addio Costanzo", il dirigente medico del Pronto Soccorso sempre al servizio dei pazienti: "Era un professionista esemplare"

  • Ingerisce droga, neonata in coma a Foggia: "Monitoriamo parametri vitali, situazione stazionaria"

Torna su
FoggiaToday è in caricamento