Pestaggio a San Giovanni Rotondo: la condanna del sindaco Pompilio

Si tratta di un parente del capogruppo del Pdl in consiglio comunale, Salvatore Gaggiano. Pompilio: "A questo punto devo ritenere che chi si espone per il bene della città non è più al sicuro"

Il sindaco Luigi Pompilio

Dopo l’ultimo episodio di violenza in ordine cronologico che ha visto coinvolto un familiare di Salvatore Gaggiano, esponente di spicco e capogruppo in consiglio comunale del Pdl,  il sindaco di San Giovanni Rotondo condanna con fermezza il vile gesto avvenuto in pieno giorno nella zona sacra della città. Un pestaggio ad opera di sconosciuti, avvenuto tra l’incredulità di turisti e pellegrini, che non ha lasciato indifferenti gli esponenti dell’amministrazione comunale, soprattutto per chi pensa che dietro l’azione violenta possa esserci l’intento intimidatorio.

Immediata la condanna del sindaco Luigi Pompilio: “Questi atti di violenza sono inaccettabili per una città del prestigio di San Giovanni Rotondo. E’ preoccupante  che il fatto sia avvenuto nella zona internazionale per di più in pieno giorno, sotto gli occhi di turisti e pellegrini intenti a godersi i momenti di sacralità nel visitare i luoghi cari a San Pio. A questo punto devo ritenere che chi si espone per il bene della città non è più al sicuro. Esprimo la mia totale solidarietà unitamente a quella dell’intera Amministrazione al consigliere Gaggiano e alla sua famiglia. Ribadisco lo sforzo di questa amministrazione nell’azione di repressione di tutte le forme illecite e criminali che stanno infangando il buon nome della nostra città.  Episodi come questi non devono passare inosservati e devono spronarci ancora di più a garantire la sicurezza della nostra comunità unitamente alla una sempre maggiore collaborazione e sinergia con le Forze dell’Ordine”,  ha ribadito il primo cittadino.

 

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La piccola Alice non ce l'ha fatta: è morta la bimba di 6 mesi in vacanza con i genitori sul Gargano

  • Risucchiata dalle correnti bambina sprofonda giù, fratellino tenta di salvarla ma rischia di annegare. "Salvi per miracolo"

  • Incidente mortale: 20enne perde la vita in un terribile scontro frontale, nove persone ferite

  • Angelo non ce l'ha fatta: si è spento a 26 anni "un ragazzo fantastico". Due anni fa l'incontro con l'idolo Pippo Inzaghi

  • Dramma sfiorato a Peschici: rischia di soffocare al ristorante, salvato da un turista. "Maurizio, sei un eroe!"

  • Attimi di terrore a Vieste: bimba di 6 mesi rischia di morire soffocata, sanitari le salvano la vita

Torna su
FoggiaToday è in caricamento