Autunno di fuoco sul Gargano, tre incendi in poco tempo: "Giornate ventilate, facile perdere il controllo di focolai"

L'appello delle Giacche Verdi: "Prestate attenzione e coscienza: è facile perdere il controllo del focolaio e rischiare di trasformare il tutto in incendi che potrebbero danneggiare il Parco, la flora e i nostri boschi e foreste"

Incendio domato

Nonostante sia ormai autunno e le temperature si siano abbassate notevolmente rispetto alla stagione estiva, per il Gruppo Operativo Locale delle Giacche Verdi Gruppo Gargano le segnalazioni per incendi dolosi sono in aumento.

Dal 21 settembre ad oggi, infatti, diversi sono stati gli interventi di spegnimento incendi: il primo giorno d’autunno, infatti, si è intervenuti in Località Marzaniello per lo spegnimento di un incendio che ha interessato circa due ettari di pineta scaturito dall’abbandono di un focolaio acceso per lo smaltimento di rifiuti vegetali a ridosso appunto dell’area boscata; successivamente, e per l’esattezza il giorno 26, si è intervenuti per un altro incendio doloso in Località Zagare, a Mattinata, dove da bordo strada era stato appiccato un focolaio che, aiutato dal vento secco e caldo della serata, si è trasformato subito in un incendio che ha interessato parte di bosco: fortunatamente grazie all’intervento degli operatori Arif, dei Vigili del Fuoco e degli operatori delle Giacche Verdi Gruppo Gargano, attivati tutti prontamente dalla SOUP di Bari,l’incendio è stato subito domato, circoscritto e spento.

In ultimo, sabato 29 settembre, si è intervenuti nello spegnimento di un cumulo di materiali di vario genere in località Salerno in un canale in area boscata facente parte del Parco Nazionale del Gargano: grazie alla rapida segnalazione e al rapido intervento, data la giornata molto ventilata e secca, si evitato il peggio ed evitato di incendiare ulteriore bosco e soprattutto si evitato che le fiamme si propagassero ulteriormente nella vegetazione fitta ed estremamente impervia quale posto scomodo  per operazioni di intervento facili e veloci. "Si chiede a tutti, nonostante conclusi i termini previsti dal Decreto del Presidente della Giunta Regionale nr. 266 del 30 Aprile 2018 il quale prevedeva il divieto assoluto di accendere fuochi e chiedeva di comunicare l’avvistamento di ogni genere di fumo, di prestare attenzione e coscienza nel momento in cui si decida di appiccare un fuoco anche per il solo smaltimento di rifiuti vegetali", spiegano Giacche Verdi Gargano Gruppo Vieste, "in quanto date le particolari giornate secche e ventilate degli ultimi giorni, è molto facile perdere il controllo del focolaio e rischiare di trasformare il tutto in incendi che potrebbero danneggiare il Parco, la flora e la fauna dei nostri boschi e foreste".

Potrebbe interessarti

  • Il fascino di Càlena, l'abbazia sul Gargano dove si narra vi sia custodito il tesoro di Barbarossa

  • La grotta di San Michele che si specchia sul lago di Varano, un luogo suggestivo che trasmette una sensazione di pace

  • Colon irritabile: cos'è, sintomi e possibili cause

  • Arredare casa: le 5 piante da interno che non hanno bisogno di luce

I più letti della settimana

  • Francesco Ginese non ce l'ha fatta: è morto a Roma

  • Tragedia nelle acque del Gargano: bagnante muore annegato

  • Tragedia alle porte di Foggia, violento impatto tra un furgone e una moto: c'è una vittima

  • Tragedia nel Foggiano: morta 11enne, genitori ricoverati in gravi condizioni a San Giovanni Rotondo

  • Tutta Foggia è con Francesco, che lotta tra la vita e la morte: si è reciso l'arteria femorale mentre scavalcava un cancello

  • Foggia in lacrime per la tragica morte di Francesco: "Addio amico mio, non doveva finire così!"

Torna su
FoggiaToday è in caricamento