Bombe per conto dei clan, violente rapine e possesso di armi: cinque arresti tra Foggia e Vieste

Operazione Chorus a Foggia. Tre arresti in città per due rapine ai danni di un bar e di una tabaccheria. Due a Vieste per detenzione di ordigni per conto dei clan

Una rapina dei tre foggiani

Sempre nell'ambito dell'operazione Chorus e dei sedici arresti eseguiti questa mattina da Polizia, Carabinieri e Guardia di Finanza, a Foggia e Vieste i carabinieri del comando provinciale hanno dato esecuzione a tre ordinanze di custodia cautelare nei confronti di cinque persone, ritenute responsabili, a vario titolo, dei reati di fabbricazione e detenzione di ordigni esplodenti, rapine aggravate, porto e detenzione illegale di armi. 

Nello specifico, i militari hanno eseguito due ordinanze di custodia cautelare in carcere nei confronti di Vincenzo Colucci classe 99, Sergio Peekhodko classe 98 e Pasquale Carbone classe 97, gravemente indiziati di reati predatori caratterizzati da particolare violenza e spregiudicatezza.

A loro vengono contestati i reati di rapina aggravata e possesso di armi comuni da sparo in concorso, con riferimento a due rapine ai danni di altrettanti esercizi pubblici della città, il 25 aprile 2016 presso il bar "Terzo Millennio" e il 29 novembre 2017 presso una tabaccheria di viale Leone XIII.

Le immagini delle rapine

E un'ordinanza di custodia cautelare in carcere, nei confronti di Michele Notarangelo, cl. '96, e Michele Pinto, cl. 95, gravemente indiziati dei reati di possesso illegale di micidiale materiale esplodente per conto del clan di riferimento. 

L'ordinanza costituisce l'esito in sede cautelare delle indagini iniziate lo scorso 17 settembre, allorquando i carabinieri di Vieste arrestarono in flagranza l'incensurato N.P. cl. '93, sorpreso a custodire cinque micidiali ordigni esplosivi di fabbricazione artigianale, del peso di due chilogrammi ciascuno. In particolare, le attività di indagine intraprese successivamente all'arresto del ragazzo determinavano l'acquisizione di elementi probatori tali da delineare le responsabilità dei predetti soggetti, per conto dei quali Ninni deteneva illecitamente il materiale esplosivo.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Cormorani killer devastano impianto di itticoltura sull'isola di Varano: danni per 500mila euro

  • Cronaca

    Una bomba ecologica chiamata Giardinetto: rifiuti pericolosi interrati e accantonati, entro il 2020 sarà tutto finito

  • Politica

    Altro che Codice etico, la Lega umilia Landella: "Eleggeremo un sindaco, non tutta la sua famiglia"

  • Cronaca

    7mila mq trasformati in discariche abusive nel Foggiano: 800 tonnellate di rifiuti speciali e 5 carcasse d'auto abbandonate

I più letti della settimana

  • Incidente mortale a Foggia: esce fuori strada e si schianta contro il pilone del ponte di via Manfredonia

  • Clamoroso ma vero: diventa papà a 93 anni, la neo mamma ne ha 42 (il parto al Tatarella di Cerignola)

  • Escogita un trucco per superare il quiz della patente, ma viene scoperto e finisce al pronto soccorso

  • La lente della DIA sulla Società, che esporta strategie mafiose fuori città: batterie in guerra ma situazione di stallo

  • Angelica, la studentessa bullizzata "perché femminista e di sinistra". Odio, "puttana" e svastiche. In 52 dicono "Basta!"

  • Tifosi foggiani aggrediti a Padova: ferito 22enne, ultrà gli rubano anche la sciarpa e allo stadio parte il coro: "Teron Teron"

Torna su
FoggiaToday è in caricamento