homemenulensuserclosebubble2shareemailgooglepluscalendarlocation-pinstarcalendar-omap-markerdirectionswhatsappenlargeiconvideolandscaperainywarningdotstrashcar-crashchevron_lefteurocutleryphoto_librarydirectionsshoplinkmailphoneglobetimetopfeedfacebookfacebook-circletwittertwitter-circlewhatsapptelegramcamerasearchmixflagcakethumbs-upthumbs-downbriefcaselock-openlog-outeditfiletrophysent_newscensure_commentgeneric_commentrestaurant_companieslocation-arrowcarbicyclesubwaywalkingicon-cinemaicon-eventsicon-restauranticon-storesunnymoonsuncloudmooncloudrainheavysnowthunderheavysnowheavyfogfog-nightrainlightwhitecloudblackcloudcloudyweather-timewindbarometerrainfallhumiditythermometersunrise-sunsetsleetsnowcelsius

Omicidio Foggia: arrestata Lucia La Lumera, suocera di Buono

La vittima si era recata presso l'abitazione di moglie e suoceri per prendere il figlio. La pistola con la quale è stato ucciso Buono, una calibro 7.65, è risultata regolarmente detenuta

Omicidio Salice Vecchio

Trovati movente e omicida. Si è risolto in pochissime ore il mistero delluccisione di Giovanni Battista Buono, il 43enne freddato con tre colpi di pistola al torace, al petto e al braccio da distanza ravvicinata, appena fuori il villino in cui abitavano la moglie (dalla quale si era separato quattro anni fa) e i suoceri.

Ieri pomeriggio, intorno alle 17, come di consueto, l’uomo si era recato insieme al padre Rinaldo in via Salice Vecchio per prendere il figlio nato dalla burrascosa e tormentata relazione con la moglie.

Suonato il campanello di casa, Lucia La Lumera ha aperto il cancello e ha estratto l’arma da fuoco da una borsetta, regolarmente detenuta dal marito che in quel momento dormiva.

Ha sparato contro il genero uno, due colpi. La vittima è caduta a terra, ma la donna ha proseguito nella sua azione comunque premeditata. Il padre di Giovanni Battista ha provato a soccorrere il figlio ma è scappato non appena La Lumera ha aperto il fuoco contro di lui.

Giunti sul posto, gli uomini della Mobile hanno sorpreso la donna infierire sul corpo del 43enne riverso in una pozza di sangue.  Ai poliziotti avrebbe confidato di aver fatto bene ad ammazzarlo e di non temere la galera. Dovrà rispondere di omicidio volontario premeditato.

Portata in questura, la 52enne ha motivato il gesto raccontando dei continui dissapori tra le due famiglie e soprattutto tra lei e il consuocero, che spesso la prendeva in giro.

 

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (5)

  • Avatar anonimo di Gianni
    Gianni

    Scusate, ma voi giustificate così un omicidio? Beati voi! Comunque questa donna putrà avere tutti i motivi di questo mondo, ma ha sbagliato! Quindi deve stare in galera! Avete dei figli, dei nipoti, dei fratelli, e quant'altro? Cosa direste se venisse ucciso un vostro caro? L'omicidio non è un gesto da elogiare, ma da condannare. Spero che quella donna si penta di quello che ha fatto!

  • ma sicuramente serena

  • e certo che una signora di 52 anni per arrivare a questo chissà che avrà passato ........mi dispiace per lui però alla fine bisogna sapere i fatti per giudicare le persone...

    • giusto...anche gesti così estremi (sbagliati)...hanno  un perchè!

  • Dopo le numerose segnalazioni, la redazione ha preferito cancellare i commenti riguardanti questo articolo. Invitiamo pertanto gli utenti a moderare il loro linguaggio e a riportare qui soltanto messaggi di cordoglio o di solidarietà. Grazie

Notizie di oggi

  • Cronaca

    34enne ucciso a Foggia, l’omicidio per un parcheggio: fermato il presunto assassino

  • Incidenti stradali

    Incidente stradale in via Onorato: ciclista investito da un Suv

  • Monti Dauni

    La strada provinciale 125 sempre più precaria: “Quali interventi per la sua sistemazione?”

  • Politica

    Lucera abbraccia i terremotati: sindaco e assessori rinunciano alle indennità di settembre

I più letti della settimana

  • Tragedia alle porte di Foggia: incidente stradale tra auto e motorino, muore 14enne

  • Litigio si trasforma in omicidio: accoltellato e ucciso 34enne

  • Auto si schianta contro una rotonda: feriti cinque foggiani, due sono gravi

  • Si apparta con una prostituta, polizia fa infuriare cliente: “Potevate almeno farmi finire”

  • 34enne ucciso a Foggia, l’omicidio per un parcheggio: fermato il presunto assassino

  • Litiga con clienti e titolare di un bar: volano pugni e sgabelli, torna e dà fuoco al locale

Torna su
FoggiaToday è in caricamento