La “Società foggiana” riciclava denaro al Nord nel vitivinicolo: 24 arresti

Operazione "Baccus" possibile grazie alla denuncia di un imprenditore foggiano e alla connivenza di un'azienda di Russi di Romagna. Scoperta complicità di funzionari di banca di Foggia, Ravenna e Corato

Foto arrestati

Su ordine di custodia cautelare emesso dal GIP del Tribunale di Bari nei confronti di 24 indagati dalla Direzione Distrettuale Antimafia di Bari, considerati appartenenti alla “Società foggiana”, gli agenti della Squadra Mobile di Foggia, unitamente ai militari dello S.C.I.C.O. e dei comandi provinciali della Guardia di Finanza di Bari e di Foggia, hanno provveduto all’arresto di 17 persone in carcere e 7 ai domiciliari.

Sono accusati a vario titolo di associazione per delinquere finalizzata all’usura e all’estorsione con l’aggravante del metodo mafioso; di truffa ai danni dell’Unione Europea e di illecito amministrativo. In particolare, con l’applicazione del Dl 231/2001, gli inquirenti hanno disposto il sequestro di beni mobili ed immobili ad un’importante azienda vitivinicola della provincia di Ravenna (“Alla Grotta” srl).

Altri sequestri sono stati compiuti anche nel Foggiano e nel Nord Italia, per un valore complessivo di oltre 20 milioni di euro.

INDAGINI - "Il 16 novembre del 2010 veniva scarcerato il boss indiscusso della mafia foggiana, Giosuè Rizzi (avrebbe trovato la morte in un agguato avvenuto a Foggia agli inizi del 2012). La possibilità che ritornasse a prendere le redini dell’organizzazione mafiosa aveva spinto gli inquirenti e gli investigatori a monitorare i suoi movimenti. E’ da qui che nasce l’indagine che oggi ha portato in carcere alcuni degli esponenti più pericolosi della “Società foggiana” e che ha confermato la teoria degli investigatori del salto di qualità che la mafia di Capitanata ha compiuto nel campo degli affari; un’attività che ha consentito e consente all’associazione, non solo di riciclare il denaro sporco derivante dalle estorsioni e dal traffico di droga, ma di infiltrarsi da attori principali (da veri e propri imprenditori) in uno dei settori economici italiani di maggiore espansione: quello vitivinicolo.

L'AZIENDA DI RAVENNA - Un settore nel quale gli esponenti della mafia foggiana riescono per così dire “a sfondare”, tanto da riuscire ad alterare il mercato nazionale della viticoltura italiana, grazie anche alla complicità di un imprenditore ravennate molto noto fra gli addetti ai lavori, Vincenzo Melandri. A Russi di Romagna (in provincia di Ravenna) è proprietario di un grande e importante stabilimento che produce Mosto Concentrato Rettificato (uno zucchero d’uva che viene ricavato, appunto, dal mosto ed ha grande commercializzazione).

LA DENUNCIA DI UN VITICOLTORE - L’inchiesta non avrebbe potuto produrre i brillanti risultati ottenuti dalla Polizia e dalla Guardia di Finanza, coordinate dalla Dda di Bari, se non ci fosse stata la coraggiosa denuncia di un viticoltore foggiano che con la sua testimonianza ha permesso di ricostruire l’intera filiera dell’attività delinquenziale.

L'uomo ha raccontato che dopo l’arresto del boss Rizzi era stato Cesare Antoniello – detto “il papa” – a prendere in mano le redini dell’organizzazione mafiosa e che fosse lui a stabilire sia i tassi di usura (che oscillavano dal 10 al 15 per cento mensili), che le tariffe estorsive da imporre a commercianti e imprenditori.

Il denunciante ha fornito l’elemento chiave che ha permesso di arrivare a quello che sicuramente rappresenta, in questo momento, uno dei più grandi business della “Società foggiana”.

NUOVE FORME DI BUSINESS - Una mafia, quella foggiana, che al contrario di altre presenti sul territorio pugliese, è in grado di “federarsi” quando si tratta di fare affari ed è pronta ad usare leggi economiche e fiscali del mercato lecito per avvantaggiarsene. Come nel caso dell’operazione “Baccus”. Menti operative di questo affare sono Ernesto e suo figlio Mario Lops, ufficialmente imprenditori del settore vitivinicolo della Capitanata, di fatto, però, organici all’organizzazione criminale.

I due propongono alla Società foggiana un affare: raccolgono tutti i soldi di provenienza illecita (usura, estorsioni, droga, ma anche quelli derivanti dai punti di raccolta delle scommesse online di Alessandro Carniola) e in virtù della loro fittizia attività imprenditoriale entrano in contatto con il collega romagnolo, al quale propongono un’operazione commerciale sofisticatissima sul piano fiscale.

L'ESCAMOTAGE - I Lops costituiscono finte società vitivinicole che emettono alla società “Alla Grotta” fatture per la vendita di mosto (senza Iva). In realtà alla società di Melandri non arrivava nessuna merce, ma soldi (quelli dell’importo delle fatture) con corrieri che partivano da Foggia in auto.

A questo punto l’imprenditore romagnolo procedeva a pagare con bonifico le fatture maggiorate dell’Iva. In questo modo la mafia foggiana riciclava il denaro sporco e ne ricava l’importo dell’Iva, che su somme notevoli di denaro comportava ricavi considerevoli. Il Melandri a sua volta abbatteva fortemente i suoi ricavi dovendo registrare acquisti di mosto, sui quali lucrava i contributi comunitari che in realtà non gli spettavano. Nel frattempo gli onesti operatori non riuscendo a convivere con una concorrenza illecita e “fuori dal prezzo del mercato” finivano a loro volta nelle mani dell’organizzazione criminale.

Un sistema talmente collaudato che mai avrebbe potuto portare a simili risultati illeciti se non vi fosse stata anche la complicità di qualche funzionario di banca di Foggia, Ravenna e Corato che non hanno mai segnalato alle Autorità competenti le operazioni quanto meno sospette visto che riguardavano ingenti somme di denaro (anche oltre otto milioni di euro) effettuate da società (le cosiddette “cartiere”, ovvero fittizie che producono solo fatture false) di piccole dimensioni.

Gli accertamenti della Polizia e della Guardia di Finanza hanno dimostrato che: sono stati sottratti all’Erario (tra evasione Iva e mancate dichiarazioni di redditi) oltre 11 milioni di euro; sono stati ottenuti indebiti sgravi fiscali per circa 19 milioni di euro; sono stati percepiti indebiti contributi europei per circa 11 milioni di euro"

                                                                                                           

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Terribile incidente stradale, auto esce fuori strada e si schianta contro un albero: muore 44enne

  • Tenta il suicidio, sospeso nel vuoto tra il balcone e l'asfalto perde i sensi: figlio, vicino, carabinieri e 115 gli salvano la vita

  • Attimi di tensione al Grandapulia, migranti minacciano di "bloccare il Natale": cariche della polizia e lanci di pietre

  • Inseguimento da film nel Foggiano: fuga a folle velocità tra la nebbia per 40 km, volanti speronate e sul finale lo schianto

  • Presa la banda foggiana che assaltava i bancomat: tre colpi in 20 giorni, quattro arresti

  • Aggredita dai vicini per una colonia felina, finisce in ospedale volontaria animalista: "Colpita in faccia con un portachiavi appuntito"

Torna su
FoggiaToday è in caricamento