Poliziotti in moto e in borghese per le strade del Foggiano: "tolleranza zero" contro chi non usa il casco

Il Questore ha fornito specifiche indicazioni a tutte le pattuglie sul territorio provinciale di “tolleranza zero” nei riguardi di chi infrange le regole previste dal Codice della Strada

Fra le varie attività predisposte nella Provincia di Foggia dalla Polizia di Stato in questi mesi vi sono state anche quelle dirette alla repressione di comportamenti su strada non conformi alle regole del codice della strada, il cui rispetto, specifico obiettivo della specialità della Polizia Stradale, è da ritenere di estrema importanza in questa provincia in quanto la loro violazione impatta in maniera evidente sull’aspetto del vivere ordinato e civile, rilevando scarsissimo senso civico da parte dei trasgressori, abituati a disattendere le regole basilari come, per esempio, nel caso del mancato uso del casco a bordo di motocicli. 

Tali violazioni e comportamenti alimentano il senso di impunità non solo da parte di chi li pone in essere ma anche da parte di quelli che ne rimangono negativamente condizionati, rendendo più difficile il rilancio del concetto di legalità a tutto tondo sul quale la Polizia di Stato sta investendo molto per garantire maggiore percezione di sicurezza al cittadino. 

E’ questo il motivo per cui, soprattutto negli ultimi mesi, direttamente il Questore della Provincia di Foggia dr. Mario Della Cioppa ha fornito specifiche indicazioni a tutte le pattuglie sul territorio provinciale di “tolleranza zero” nei riguardi di chi infrange le regole previste dal Codice della Strada, con particolare riferimento al mancato uso del casco, proprio per gli effetti indiretti che detta violazione provoca sull’utenza in genere e sui giovani, sollecitati in tal senso a disattendere a siffatte regole basilari che incide anche, peraltro, sulla loro stessa sicurezza fisica.

Conseguentemente, il Questore, pur avendo verificato un sensibile miglioramento su questo fronte ma ritenendo non ancora raggiunto pienamente l’obiettivo suindicato ed estremamente importante per la strategia complessiva di rilancio della legalità nei termini e modi sopra cennati, ha fornito ulteriori indicazioni per intensificare i controlli di polizia diretti alle verifiche dell’uso del casco su strada che, dal mese di agosto 2017 ad oggi, hanno prodotto oltre 300 contravvenzioni a carico dei responsabili, con fermo amministrativo del mezzo per sessanta giorni.

Dalla settimana corrente, pertanto, sono dispiegate sul territorio Pattuglie della Squadra Volante moto montate ed in borghese che presidieranno le aree cittadine ove maggiormente si è riscontrata la presenza di tale fenomeno e che interverranno specificatamente sull’utenza di qualsiasi genere che violi l’articolo 171 del codice della strada, con sequestro del mezzo per sessanta giorni quale ulteriore sanzione accessoria. Laddove non sarà possibile, per questioni di sicurezza, procedere alla immediata contestazione, saranno effettuate fotografie dell’illecito ed inviate le contravvenzioni a domicilio. Al termine di questa progettualità saranno comunicati i relativi risultati.

moto polizia-3

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidente mortale nel Foggiano: marito e moglie perdono la vita in un terribile impatto sulla Sp 141

  • Macabra scoperta nel Foggiano: recuperato un corpo carbonizzato dentro un'auto, vittima di un incidente stradale

  • Arrestati Angelo e Napoleone Cera: sono accusati di concussione

  • Coro ai diffidati e 'Quarta Mafia', Pio e Amedeo sbottano: "Ci siamo rotti le palle della facilità di giudizio sulla nostra terra"

  • Maxi furto nel caveau dell'Unicredit a Foggia: svaligiate 300 cassette di sicurezze ma non ci sarà nessun colpevole

  • In fuga su una Ferrari rubata lungo la Statale 16: polizia insegue la 'rossa' da 140mila euro, ladro scende e scappa

Torna su
FoggiaToday è in caricamento